Home | Tempo d'Europa | A Bruxelles si parla di prevenzione e cura dell’ictus cerebrale

A Bruxelles si parla di prevenzione e cura dell’ictus cerebrale

L’emergenza ictus bussa alle porte dell’Unione Europea. Jon Barrick, Presidente della Stroke Alliance for Europe Association SAFE, e Valeria Caso, Presidente dell’European Stroke Organization ESO, hanno partecipato, lo scorso mercoledì 30 novembre, ad un incontro presso la Commissione Salute dell’Unione Europea (UE) per discutere i livelli qualitativi dei programmi di prevenzione, cura e sostegno dell’ictus nei Paesi Europei.

SAFE ed ESO hanno presentato un pacchetto di proposte volte ad indirizzare il sostegno dell’UE a tutti i paesi d’Europa, incoraggiando l’ottimizzazione degli interventi per affrontare la problematica dell’ictus. L’ictus è causa di più del 9% di tutti i decessi in Europa ed è la principale causa di grave disabilità a lungo termine.

I punti all’ordine del giorno discussi sono stati: l’impegno da parte dei Commissari di Salute ad organizzare una riunione con i vertici sulla tematica dell’ictus che si terrà a Bruxelles l’11 maggio 2017, la diffusione dei report sul peso dell’ictus con i dati relativi alle prestazioni dei percorsi della cura dell’ictus in ogni paese europeo ed una relazione sulla situazione attuale della cura della fase acuta dell’ictus. Inoltre, sono stati discussi il supporto all’ESO e al SAFE ed il sostegno ad altre iniziative con l’obiettivo di creare un piano d’azione europeo contro l’ictus per maggio 2018 e per stilare una relazione complessiva sul peso economico dell’ictus entro il 2019.
Il piano d’azione europeo “Stroke” sarà la prosecuzione della dichiarazione di Helsingborg del 2006, che ha fissato obiettivi da raggiungere entro il 2015. Questi obiettivi sono ormai superati e sono adesso disponibili nuove conoscenze e opportunità di trattamenti, ed è possibile quindi dare vita ad iniziative specifiche per far scendere il tasso di mortalità e di disabilità da ictus.

Altri argomenti trattati sono stati la necessità di una maggiore consapevolezza della problematica ictus, il maggiore sforzo da compiere nella prevenzione dell’ictus e la necessità di destinare maggiori risorse per la ricerca dell’ictus in generale. SAFE ed ESO sono stati incoraggiati a fornire più esempi di buoni percorsi da condividere tra Paese a Paese e sono state poste molte domande sulla possibilità di progetti di alto livello su attività pratiche pilota.

Sono risultate evidenti una comunione ed una sovrapposizione d’intenti tra il lavoro di SAFE ed ESO e quello della Commissione UE per la Salute, con il comune obiettivo di assicurarsi che la cura dell’ictus sia sostenibile ed efficiente e che sia supportata la resilienza all’interno dei sistemi di assistenza sanitaria (la capacità di ammortizzare il cambiamento, imparare e sviluppare, migliorare la capacità di adattamento ad una situazione in rapida trasformazione).
E’ stato infine raggiunto un pieno accordo sul fatto che un maggiore impegno per combattere l’ictus apporti un contributo positivo al programma mirato alla salute.

A.L.I.Ce. Italia Onlus è una Federazione di associazioni regionali di volontariato sparse su tutto il territorio nazionale, oltre 80 tra sedi e sezioni, le quali, pur autonome e indipendenti nelle proprie attività, collaborano al raggiungimento di comuni obiettivi a livello nazionale.
Loro peculiarità è quella di essere le uniche ad essere formate da persone colpite da ictus, dai loro familiari e caregiver, da neurologi e medici esperti nella diagnosi e trattamento dell’ictus, medici di famiglia, fisiatri, infermieri, terapisti della riabilitazione, personale socio-sanitario e volontari. Sono associazioni senza scopo di lucro, democratiche, apolitiche, con personalità giuridica e non, iscritte nei registri regionali delle associazioni di volontariato.
Tra i propri obiettivi statutari: diffondere l’informazione sulla curabilità della malattia; facilitare l’informazione, anche attraverso i media, per un tempestivo riconoscimento dei primi sintomi come delle condizioni che ne favoriscono l’insorgenza; sollecitare gli addetti alla programmazione sanitaria affinché provvedano ad istituire centri specializzati per la prevenzione, la diagnosi, la cura e la riabilitazione delle persone colpite da ictus e ad attuare progetti concreti di screening; tutelare il diritto dei pazienti ad avere su tutto il territorio nazionale livelli di assistenza, uniformi ed omogenei.
A.L.I.Ce. Italia è membro della WSO, World Stroke Organization, di SAFE, Stroke Alliance for Europe, organizzazioni che riuniscono le Associazioni di persone colpite da ictus a livello mondiale ed europeo, diffondendo linee guida per la prevenzione, la migliore cura e la riabilitazione dell’ictus. Oltre che di ISO, Italian Stroke Organization ed ESO, European Stroke Organization.

Newsletter

Guarda anche..

Burden-of-Stroke

Burden of Stroke: presentati al Parlamento Europeo i risultati dello studio sul percorso di cura dei pazienti colpiti da ictus cerebrale

La Stroke Alliance for Europe ha presentato oggi la tanto attesa e completa analisi sull’intero …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi