Home | Tempo d'Europa | Juncker: “Quelli che hanno pensato di fare l’Ue a pezzi sbagliano”

Juncker: “Quelli che hanno pensato di fare l’Ue a pezzi sbagliano”

“Quelli che hanno pensato di fare l’Ue a pezzi sbagliano, perché non esisteremmo come nazioni singole”. E’ il monito lanciato da presidente della Commissione Ue Jean-Claude Juncker in occasione del 25esimo anniversario del Trattato di Maastricht. “Dobbiamo inventare un’orbita differente per tutti quei diversi partner” come Gran Bretagna o Turchia che “non si sentono a loro agio”. “Questa non è una crisi o una tragedia, ma un’opportunità”, al contrario “dobbiamo muoverci in questa direzione” di una “cooperazione più strutturata”.

E sul 25esimo anniversario del Trattato di Maastricht, ha detto, “sono l’unico sopravvissuto, di quelli di allora siamo rimasti più solo io e l’euro”. “Quello che mi ricordo più di tutto era la sensazione attorno al tavolo che stavamo aprendo un nuovo capitolo della Storia”, e allora “sentii che doveva essere la firma più importante che avrei mai messo” perché “avevamo davvero l’impressione di stare facendo la Storia, non vittime ma attori”.

Newsletter

Guarda anche..

Parlamento europeo

Bruxelles. Lunedì 8 gennaio debutto del nuovo presidente Eurogruppo: Mario Centeno

Ufficialmente il suo incarico prenderà il via 16 gennaio prossimo, ma già lunedì 8 il …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi