Home | Tempo d'Europa | Liberazione di Aleppo: il PE chiede il cessate il fuoco immediato

Liberazione di Aleppo: il PE chiede il cessate il fuoco immediato

Dopo il mancato raggiungimento dell’ accordo per evacuare civili da Aleppo est, la situazione nella città siriana è stata al centro de dibattito parlamentare. In vista dell’Eurosummit, i parlamentari hanno descritto la situazione come “inferno sulla terra”, “fabbrica della morte” e “collasso dell’umanità”. I deputati hanno chiesto il cessate il fuoco immediato, nonché l’accesso in città degli aiuti umanitari. Alcuni relatori sono stati molto critici riguardo al ruolo della Russia nel conflitto.

I bombardamenti e i combattimenti continuano ad Aleppo. Mercoledì 14 dicembre nel suo discorso al Parlamento europeo riunito in plenaria a Strasburgo in mattinata il presidente della Commissione europea Jean-Claude Junker ha descritto la situazione definendola: “grave, con notizie di stragi e bambini intrappolati sotto a palazzi crollati”. Nel chiedere che i civili possano essere portati in salvo dalle rovine di Aleppo, il presidente Juncker ha avuto l’appoggio di molti parlamentari.

“Il mondo è con il fiato sospeso – ha detto il presidente del gruppo Popolare Manfred Weber – L’Europa deve agire e migliorare il sistema di accoglienza dei profughi nel nostro continente”.
Toni ancora più duri da parte del neo-eletto vice-presidente dei Verdi Ska Keller, che ha chiesto: “Dove è il programma di reinsediamento urgente per garantire la liberazione delle persone da questa situazione disumana? L’unica cosa su cui gli Stati membri sembrano essere concordi è il mantenere migranti e rifugiati fuori dai nostri confini”.

“Fabbrica di morte” – “Stiamo assistendo a crimini contro l’umanità – ha sottolineato la presidente della commissione sicurezza e difesa del Parlamento Anna Fotyga – dobbiamo garantire che non ci sia impunità indipendentemente dal rango e dalla nazionalità di chi commette questi crimini”. Il parlamentare cipriota del gruppo della Sinistra Unitaria Europea Takis Hadjigeorgiou ha dichiarato: “Tutti noi condividiamo la pesante responsabilità per la fabbria di morte che si sta verificando in Siria in questo momento. ”
Condannando le atrocità e chiedendo una soluzione umanitaria immediata, il presidente del gruppo Socialista Gianni Pittella ha osservato che la posizione del Parlamento sulla Siria è molto chiara. In una risoluzione approvata in assemblea plenaria lo scorso 24 novembre, i deputati hanno chiesto l’immediata cessazione dei bombardamenti e degli attacchi indiscriminati contro i civili. In più, è stata rivolta una forte esortazione a tutte le parti in conflitto per garantire l’accesso degli aiuti umanitari nel paese.

“Collasso dell’umanità” – Nel mese di novembre, il Parlamento ha chiesto ch i responsabili di violazioni dei diritti umani siano giudicati dalla giustizia. La questione è stata toccata anche nella discussione di oggi dal rappresentante del consiglio europeo Ivan Korčok. Rivolgendosi a Korčok, il presidente del gruppo liberale Guy Verhofstadt ha detto: “Che cosa hai intenzione di fare al riguardo? Si condannatelo, come l’abbiamo condannato tutti noi, ma voi avete il potere di fare di più!”
Al fine di porre fine a quella che viene definita un “collasso d’umanità” in Siria, il leader liberale ha delineato tre priorità: “Uno cessate il fuoco, due l’ingresso degli aiuti umanitari ad Aleppo orientale, e tre una soluzione politica. A chi si rifiuta di comportarsi in questo modo, l’Unione europea deve rispondere con sanzioni; che sia la Russia, il regime di Assad o l’Iran”.

“Putin ha le mani sporche di sangue” – Come nei precedenti dibattiti, diversi parlamentari hanno criticato il ruolo della Russia nella carneficina in Siria. Il presidente del gruppo Popolare Manfred Weber ha sottolineato: “La situazione ad Aleppo poteva giungere a questa situazione perche le bombe russe hanno colpito e i soldati sono coinvolti. Putin è sporco di sangue e l’Unione europea deve dire chiaramente svilupparsi solo il modo in cui lo ha fatto perché le bombe e soldati russi sono stati coinvolti. Putin ha il sangue sulle sue mani e l’UE deve affermare che chiaramente raggiungere un accordo non è un opzione”. Anche Pittella ha condannato con forza l’operato russo.
In controtendenza il vicepresidente del gruppo Europa delle nazioni e della libertà Matteo Salvini, che ha esortato i deputati a concentrarsi sugli estremisti dell’ISIS invece che sulla Russia: “Pensano che Putin è il solo con le mani sporche, stanno ignorando gli estremisti in tutto il mondo”.
Il parlamentare del gruppo Europa della Libertà e della Democrazia Diretta David Coburn ha fornito la sua chiave di lettura all’instabilità nell’intero Medio Oriente: “L’Occidente ha fatto cadere i dittatori nei paesi arabi. Il vero nemico non è la gente come Assad, è la teocrazia fondamentalista”.

Premio Sakharov – Alcuni parlamentari, nel loro discorso, si sono riferiti al premio Sakharov che è stato assegnato il 13 dicembre alle due ragazze irachene della comunità Yazida rapite dall’isis, Nadia Murad e Lamiya Aji Bashar. Guy Verhofstadt ha dichiarato: “Le cose orribili che hanno attraversato queste ragazze ora stanno accadendo nelle strade di Aleppo, dove le persone di Assad ei commandos iraniani sciiti stanno andando di porta in porta a uccidere donne e bambini”.
Takis Hadjigeorgiou, della Sinistra Unitaria Europea, ha detto i premi per la difesa dei diritti umani da soli non sono abbastanza: “Cosa stiamo facendo in scenari come quello siriano? Abbiamo bisogno di trasformare le parole in azioni e fare qualcosa di più costruttivo”

L’Unione europea continua a lavorare in collaborazione con le Nazioni Unite e i partner regionali su soluzioni politiche per porre fine al conflitto. La situazione in Siria, così come il ruolo della Russia, saranno discussi al vertice del Consiglio europeo il 15 dicembre.

Newsletter

Guarda anche..

La Onlus presieduta da Anna Foglietta ha incontrato il Parlamento europeo per discutere dell’emergenza minori in Siria

All’indomani del disastroso attacco chimico del 4 Aprile 2017 a Khan Shaykhun in Siria, un …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi