Home | IN News | In Attualità | Trasporti: tra Cerveteri e Ladispoli 15 nuove linee bus

Trasporti: tra Cerveteri e Ladispoli 15 nuove linee bus

Migliorare i trasporti non significa solo portare sul territorio mezzi nuovi e confortevoli ma garantire servizi efficienti, senza corse che si sovrappongono e rendono difficile spostarsi da un posto all’altro, come spesso succede: per questo a Ladispoli e Cerveteri sperimentiamo l’unione dei comuni, assicuriamo a tutte e a tutti un servizio efficiente a partire da quello che ci chiedono i pendolari. Così garantiamo la possibilità di muoversi anche a 100mila cittadini di comuni che fino ad oggi non disponevano del trasporto pubblico.

Un altro importante traguardo per il rinnovo del trasporto pubblico locale: si favorisce l’unione dei comuni, l’efficientamento del servizio, l’annullamento delle sovrapposizioni tra corse e modalità diverse di trasporto come gomma e ferro, e un aumento dell’offerta per i cittadini.

Una rete congiunta di trasporto pubblico locale. Dal 2013 la Regione Lazio, attraverso la società regionale Aremol, ha affiancato i comuni di Ladispoli e Cerveteri nella creazione della rete e nella predisposizione di tutti gli atti necessari alla relativa gara di affidamento. Inoltre, negli ultimi due anni l’amministrazione regionale ha finanziato la sperimentazione di due nuove linee Tpl, una al servizio dell’Ospedale Bambino Gesù di Palidoro e una dell’Aeroporto intercontinentale di Fiumicino.

Un attento studio della domanda e dei flussi su queste due linee. La sperimentazione finanziata da Aremol ha consentito ai due comuni di valutare positivamente l’inserimento nel piano di rete. Grazie al dialogo costruttivo con Cotral Spa, è stato inserito un collegamento con l’Istituto alberghiero di Bracciano, consentendo un ulteriore risparmio di risorse ai due comuni.

La gara per l’affidamento del servizio di Tpl nei Comuni di Ladispoli e Cerveteri, della durata di 9 anni, è stata vinta dalla Seatour in Ati con Sab e rappresenta l’ingresso nella gestione del servizio di trasporto pubblico locale della Sab (azienda della tedesca Arriva), che ha scelto di investire nel Tpl del Lazio anche grazie alla regolarità dei pagamenti dei contratti di servizio (prima si pagava a 1.000 giorni, le ultime fatture sono state pagate a 54 giorni). Il comune di Cerveteri sarà capofila per i primi 4 anni di durata della gara la quale prevede la fornitura di oltre un milione di chilometri l’anno di servizio, il contributo regionale di due milioni di euro e un valore complessivo, compresi gli introiti da bigliettazione, di 25 milioni di euro. Si favorisce l’unione dei comuni, l’efficientamento del servizio, l’annullamento delle sovrapposizioni tra corse e modalità diverse di trasporto come gomma e ferro, l’offerta rimane invariata, anzi se ne registra un aumento, a fronte dei tagli del Fondo nazionale trasporti. L’unione dei comuni ha favorito, inoltre, l’introduzione del servizio di Tpl in comuni che prima non lo avevano.

Ad oggi il 70% dei comuni del Lazio ha avviato le attività amministrative per la realizzazione degli ambiti territoriali e stanno collaborando con lo Sportello dei comuni – che la Regione Lazio ha istituito nel 2015 presso Astral – per la realizzazione delle gare. Le Unità di Rete in costituzione nel Lazio sono in totale 27, di cui 6 già attivate: 3 in Provincia di Viterbo, 10 in Provincia di Frosinone, 2 in Provincia di Latina, 3 in Provincia di Rieti e 9 in Provincia di Roma. Grazie al sistema integrato di Tpl intercomunale sono 52 i Comuni del Lazio e 100mila i cittadini raggiunti dal servizio di trasporto di cui prima non disponevano.

“Ladispoli e Cerveteri hanno dato un bellissimo esempio di fronte alla necessità di spendere in
maniera più oculata questa volta non si tagliano i servizi ma aumentano e migliorano con una strategia che è il modello da seguire: mettere insieme i servizi e offrirli ai cittadini perché tante piccole realtà da sole sono più deboli, se unite sono più forti –lo ha detto il presidente, Nicola Zingaretti, che ha aggiunto: è molto importante perché questa è una delle 27 sperimentazioni che stanno partendo e partiranno entro il
2017. Entro fine anno saranno tutte attivate. Questo aiuterà molto ad avere un servizio per i cittadini e anche per i pendolari molto più efficiente. Poter dire a dicembre 2016, mentre tutto si taglia e tutto entra in crisi, che qui invece si migliora è un bellissimo risultato figlio del coraggio dell’amministrazione”- ha detto ancora Zingaretti.

Newsletter

Guarda anche..

certificato-medico

Lazio. Addio certificato medico per tornare a scuola

Addio anche nel Lazio al certificato medico per tornare a scuola dopo una malattia. E’ …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi