Home | IN News | Giada Gervasi ad Amedeo Bianchi: “Evitiamo polemiche sterili e strumentali”
Giada-Gervasi-Consigliere

Giada Gervasi ad Amedeo Bianchi: “Evitiamo polemiche sterili e strumentali”

L’ex consigliere Giada Gervasi torna a rispondere al rappresentante del Partito Democratico Amedeo Bianchi, in merito alle infondatezze riportate in un’apposita nota inviata alla stampa locale.

“Per fortuna ci sono i giornali che parlano e che smentiscono, ancora una volta, quanto dichiarato dal signor Amedeo Bianchi. Vengo accusata di non aver voluto firmare la sfiducia quando la realtà dei fatti dice tutt’altro. È opportuno ricordare che io, a febbraio 2016, ho chiesto a tutti i consiglieri di attivarsi per lo scioglimento del Consiglio così da partecipare alle elezioni amministrative per giugno 2016 (la mia nota è stata diffusa da giornali e testate online). Nessuno ha risposto alla mia istanza. Mi viene da pensare che c’era l’interesse da parte di qualcuno a mantenere in vita il Governo cittadino. Un’ipotesi suffragata anche dai tempi occorsi per redigere una mozione di sfiducia: è bene che si sappia che quest’ultima è stata presentata solamente nell’aprile 2016, ben due mesi dopo la mia proposta di mandare a casa la Giunta”.

Gervasi incalza e puntualizza la sua posizione: “È evidente che i conti non tornano ancora una volta. Amedeo Bianchi dice di aver proposto la mozione di sfiducia nel novembre 2015. Ora, visto che l’ex consigliere ha confermato che tra dicembre e gennaio erano maturati i tempi basilari, quei famosi 2 anni, 6 mesi e un giorno (è tornato sui suoi passi e smentito se stesso!), come faceva già nel novembre a parlare di mozione di sfiducia? E soprattutto perché se di sfiducia se ne parlava già a novembre 2015, la mozione è stata presentata solamente nell’aprile 2016? La mia posizione è sempre stata chiara ed è stata più volte ribadita anche a mezzo stampa. L’8 marzo 2016, infatti, faccio un nuovo comunicato in cui dichiaro apertamente di votare un’eventuale sfiducia, ma a quella data la mozione ancora non era stata presentata. Tra l’altro erano sufficienti 5 firme ed è stata presentata in 8: perché serviva proprio il mio avallo?”.

E continua: “Io ho sempre detto di voler votare la sfiducia e la mia proposta del febbraio 2016 ne è evidenza. Ma è pur vero che per essere votata una sfiducia deve essere presentata, e non solo paventata oralmente. Se avessimo staccato la spina a febbraio – siamo tutti d’accordo che i tempi era maturi, anche quelli legali – avremmo evitato un anno di commissariamento e la città avrebbe potuto avere, di lì a breve, una nuova Amministrazione comunale. Ma evidentemente c’erano altri interessi, che di certo non erano i miei”.

“Inoltre, Amedeo Bianchi parla di 40 giorni per avere certezza del mio voto. Come sono stati determinati questi giorni e su quale base? E che certezza attendeva da una persona che già da due mesi avevo esternato, in maniera esplicita, a più riprese e in varie situazioni, il suo voto favorevole alla sfiducia? Le mie dichiarazioni da novembre 2013 (verbali di consiglio comunale) a gennaio-marzo 2016 (verbali di consiglio comunale e articoli di giornale) sono sparite come per magia? Le accuse che mi rivolge Amedeo Bianchi mi sembrano solo pretestuose. Non volendo più confrontarmi in schermaglie inutili, rilevo che qualsiasi cittadino potrebbe andare sul web e trovare tutti gli articoli di quel periodo che confermano quanto sto dicendo. Io ho fatto lo stesso ed ecco qua…”.
Gervasi conclude il suo intervento con un’altra piccola analisi: “Appare anomalo che queste affermazioni dell’ex consigliere Amedeo Bianchi sono state fatte dopo quasi un anno e non a marzo 2016. Non voglio pensare che una sterile e infondata polemica sia stata effettuata solo perché io ho declinato l’invito del Partito Democratico per un eventuale accordo elettorale. Sarà sicuramente una coincidenza! Comunque – conclude Gervasi – continuino senza problemi per la loro strada, tanto sono abituata a questi modi di fare. Dopo questa ennesima smentita, però, ritengo di non dover più rispondere all’ex consigliere Amedeo Bianchi, candidato a Sindaco del PD e al PD che lui rappresenta, per eventuali ULTERIORI dichiarazioni”.

Com.Stampa

Newsletter

Guarda anche..

giada-gervasi

Quel fenomeno di sindaco di nome Giada

Sabaudia, 19 agosto 2017. E’ il primo sindaco (lei preferisce il maschile in omaggio al …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi