Home | IN News | In Attualità | Incendi. Nicola Zingaretti chiede lo stato di emergenza al Governo

Incendi. Nicola Zingaretti chiede lo stato di emergenza al Governo

Giornata di fuoco, ieri per Roma e Lazio. Alla fine solo tra Roma e provincia sono stati 120 gli interventi dei pompieri: da Civitavecchia al Lago di Martignano, da Ladispoli a Sant’Angelo Romano. E poi nella Capitale l’ennesimo rogo tossico, con un autodemolitore in fiamme vicino al parco di Centocelle, il quinto nell’arco di un mese e mezzo. “Anche oggi 10 elicotteri regionali in volo, centinaia di vigili del fuoco e volontari protezione civile in campo. Solo in questo momento in corso 18 incendi nella Provincia di Roma, decine nel corso della giornata. Chiederemo lo stato di emergenza al Governo”, dice a fine giornata il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti.

La prima avvisaglia in mattinata, quando le fiamme partite da Capalbio, in Toscana, hanno raggiunto una zona boschiva del litorale laziale, coinvolgendo il territorio del Comune di Pescia Romana, in provincia di Viterbo. A supporto del lavoro dei vigili del fuoco, la Regione Lazio ha messo in campo 5 squadre della Protezione civile, circa venti volontari. Nel pomeriggio le fiamme sono state spente. Ma nel frattempo un vasto incendio boschivo si è sviluppato nella zona del Lago di Martignano, a nord di Roma. Al lavoro due elicotteri e un canadair e tanto spavento per i tanti che si erano recati in gita al lago, costretti ad allontanarsi. Fiamme anche ad Anguillara, comune a nord di Roma, a ridosso di una comunità per disabili. Sul posto i vigili del fuoco e il 118. La struttura è stata evacuata. Due disabili sono stati trasportati all’ospedale di Bracciano per lo spavento e perché rimasti intossicati dal fumo.

Gravi disagi poi per un vasto incendio si è sviluppato a Civitavecchia, nella parte nord del territorio cittadino. Al lavoro due elicotteri e un Canadair, insieme con undici squadre della Protezione civile per una cinquantina di volontari. Le fiamme sono divampate nei pressi dell’autostrada tra Civitavecchia e Tarquinia. A causa del fumo, innescato dal forte vento, un tratto è stato temporaneamente chiuso e poi riaperto.

Un altro incendio è divampato a Ladispoli, sul litorale a nord di Roma, comportando anche rallentamenti alla circolazione dei treni, come riferito da alcuni passeggeri fermi a Civitavecchia, partiti da Genova e diretti a Roma.

Newsletter

Guarda anche..

regione-lazio

Dalla Regione Lazio 2,2 milioni per le scuole di Valmontone

Il presidente, Nicola Zingaretti, è stato a Valmontone, in provincia di Roma, dove ha effettuato …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi