Home | IN News | Unicef. Asia meridionale: 16 milioni di bambini colpiti da enormi inondazioni

Unicef. Asia meridionale: 16 milioni di bambini colpiti da enormi inondazioni

Settimane di piogge monsoniche torrenziali e inondazioni catastrofiche in tre paesi dell’Asia meridionale – Nepal, India e Bangladesh – hanno devastato la vita di milioni di bambini e famiglie. L’UNICEF stima che quasi 16 milioni di bambini e le loro famiglie abbiano urgente bisogno di aiuto salva-vita.
Dalla metà di agosto, sono state segnalati almeno 1.288 morti e oltre 45 milioni di persone colpite.

“Milioni di bambini hanno visto la loro vita spazzata via da queste devastanti inondazioni” ha dichiarato Jean Gough, Direttore Regionale UNICEF per l’Asia meridionale. “I bambini hanno perso le loro case, le scuole, anche amici e I propri cari. C’ è il pericolo che il peggio potrebbe ancora venire se le piogge continueranno e le acque alluvionali si sposteranno a sud” ha aggiunto.

Solo in Bangladesh, oltre 8 milioni di persone sono state colpite da inondazioni, tra cui circa 3 milioni di bambini. Si stima che 696.169 case siano state danneggiate o distrutte e 2.292 scuole primarie e comunitarie siano state danneggiate dall’ acqua alta. Nel paese sono già stati registrati più di 13.035 casi di malattie trasmesse dall’acqua.

In Nepal, 1,7 milioni di persone, tra cui 680.000 bambini, sono state colpite; 352.738 sono sfollati dale loro case. Oltre 185.126 case sono state danneggiate o distrutte, oltre a 1.958 scuole, mettendo a rischio l’istruzione di 253.605 bambini.

In India, quattro Stati dell’area settentrionale sono stati duramente danneggiati dalle inondazioni, che hanno colpito oltre 31 milioni di persone, tra cui 12,33 milioni di bambini. Circa 805.183 case sono state parzialmente o completamente danneggiate e 15.455 scuole sono state danneggiate, sconvolgendo la possibilità di andare a scuola di quasi un milione di studenti. A Mumbai, a seguito di ulteriori piogge abbondanti, sono morte almeno cinque persone per annegamento e altre tre, tra cui due bambini, sono morte a causa del crollo della casa.

Molte aree rimangono inaccessibili a causa di danni a strade, ponti, ferrovie e aeroporti. I bisogni più urgenti per i bambini sono: acqua pulita, kit igienici per prevenire la diffusione delle malattie, approvvigionamento alimentare e spazi protetti nei centri di evacuazione in cui i bambini possano giocare.

L’UNICEF sta lavorando sul campo in stretto coordinamento con i rispettivi governi e partner umanitari dei tre paesi per aumentare la propria risposta e rispondere ai bisogni immediati dei bambini colpiti e delle loro famiglie.

“Danni massicci alle infrastrutture scolastiche e alle forniture scolastiche significano anche che centinaia di migliaia di bambini possono perdere settimane o mesi di scuola” ha dichiarato Gough. “Riportare i bambini a scuola è assolutamente fondamentale per creare un senso di stabilità per i bambini in tempi di crisi e fornisce un senso di normalità quando tutto il resto viene capovolto”.

Newsletter

Guarda anche..

Unicef

Myanmar. Allarme dell’Unicef: “12mila bambini Rohingya fuggono ogni settimana in Bangladesh”

Secondo il nuovo rapporto dell’UNICEF “Emarginati e disperati”, terribili condizioni di vita e malattie legate …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi