Home | IN News | In Eventi | Secondo appuntamento con “Le Storie dell’Architettura” al Maxxi di Roma

Secondo appuntamento con “Le Storie dell’Architettura” al Maxxi di Roma

Sabato 17 marzo, alle 11:30, presso l’Auditorium del MAXXI, si terrà il secondo appuntamento con la terza edizione di Le Storie dell’Architettura, a cura di Maria Vittoria Capitanucci, una serie di lezioni tenute da esperti di diversi ambiti per far comprendere al pubblico come il progetto architettonico contemporaneo sia connesso con altre discipline e, anche grazie a questo, influisca sulle trasformazioni urbane e sul paesaggio del nostro tempo.

Protagonista del secondo appuntamento è Stefano Baia Curioni (professore Associato e direttore della laurea Specialistica di Economia per l’arte e la cultura presso l’Università Bocconi e dottore di ricerca all’Ecole des Hautes Etudes en Sciences Sociales di Parigi) che terrà una lezione sul rapporto tra architettura e politica, dal titolo Politiche culturali per le città capitali (ingresso 5 €, gratuito per i possessori di card myMAXXi, l’acquisto del biglietto dà diritto a un ingresso ridotto al museo di 8 € entro una settimana dall’emissione fino ad esaurimento posti).

L’intervento rende conto di una serie di riflessioni sul rapporto tra politiche culturali e sviluppo urbano che sono state al centro di importanti dibattiti accademici e interventi di governo negli ultimi anni. Il dibattito sul ruolo delle politiche culturali centrali e periferiche nei processi di rivitalizzazione urbana e di sviluppo economico è nato dai primi anni Novanta grazie alla confluenza delle ricerche di geografi e urbanisti (dai lavori seminali di Jane Jacobs a quelli di Allen Scott e Andy Pratt), sociologi, di economisti dello sviluppo come Amartya Sen e di studiosi dei fenomeni dei distretti culturali (come Walter Santagata e Pierluigi Sacco). L’evidenza attuale indica la necessità di passare da politiche “culturali” essenzialmente orientate a sostenere l’attrattività delle città (Florida) a politiche a “base culturale”, in cui l’azione educativa e formativa assume una valenza centrale nei processi di costruzione di capacità, comunità, capitale sociale. Questa prospettiva include oggi buona parte del dibattito sul tema della conservazione sostenibile del patrimonio e delle pratiche di coinvolgimento sociale che questa implica (e che sono incluse nelle linee guida UNESCO). Il tema sarà trattato facendo riferimento in particolare ai casi di Mantova (capitale italiana della cultural 2016) e per l’esperienza della commissione Capitale italiana della cultura per il 2018 e 2020.

Newsletter

Guarda anche..

Giulio Scarpati

Giulio Scarpati in prima assoluta il 19 luglio a Castel Sant’Angelo legge “Memorie di Adriano”

Un appuntamento unico e site-specific, una prima assoluta per rendere omaggio alle radici di uno …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi