Home | IN News | In Eventi | Guillaume Gargaud e il duo La Musa live Madxii di Latina

Guillaume Gargaud e il duo La Musa live Madxii di Latina

Per la prima volta a Latina il musicista francese GUILLAUME GARGAUD e il duo musicale (austriaco/argentino) LA MUSA, questo sabato 12 maggio al MADXII (Museo Contemporaneo) di Latina Scalo, località Tor Tre Ponti, presso il Consorzio per lo Sviluppo Industriale Roma-Latina, dalle ore 21.

GUILLAUME GARGAUD – E’ un compositore e chitarrista d’improvvisazione. Ha già partecipato a circa venti album e composto molte musiche per la danza contemporanea e film. Collabora con diversi musicisti e suona in “solo” in Europa e negli Stati Uniti. Vive a Le Havre in Francia, dove insegna anche musica.

«Lo stile di chitarra e le elettroniche di Guillaume Gargaud sono intriganti e coinvolgenti; La sua musica spazia da glitch estremi a paesaggi sonori rilassanti, attraversando tutto quello che c’è in mezzo. Gargaud evoca suoni come non hai mai sentito prima; Combina uno stile chitarristico “Americano” ricco e pieno di melodia giocando con enormi muri di feroci rumori elettronici e delicati ronzii, creando complesse trame variegate. La sua musica ti porterà a vette elevate di euforia attraverso paesaggi contorti e glaciali per poi lasciarti senza fiato in un buco nero di psichedelia ». Dead Pilot Records UK

Biografia – Ha iniziato a suonare la chitarra quando aveva 15 anni, dopo essere stato ferito in un incidente stradale e costretto a rimanere a casa per un anno.

Nel 1997, oltre ai suoi studi di falegnameria, dove ha praticato la scultura, l’intarsio, il restauro di mobili antichi e il disegno artistico, ha lavorato senza aiuti sul suo strumento e si è esibito con diverse band. Nel 1999, dopo aver superato gli esami, decide di dedicarsi alla musica ed entra nel corso professionale di IIMA diretto da Laurent Rousseau. Ha poi studiato composizione, analisi musicale, jazz, musica contemporanea e improvvisata. Durante i suoi studi ha sperimentato diverse forme di musica (free jazz, bebop …).

Nel 2003 è diventato membro permanente del collettivo di artisti Zwann eï. Compone per spettacoli, installazioni, poesie sonore e film. Realizza creazioni visive e integra laptop (Ableton, Max msp) nel suo sistema di ricerca sonora fino ad allora fatto di pedali, effetti analogici e oggetti. Le sue implicazioni nel collettivo gli danno l’opportunità di scoprire una nuova visione della scrittura e delle relazioni interattive legate all’immagine, al corpo e alla letteratura.

Nel 2007 ha deciso di interrompere i suoi tour per dedicarsi alla sua musica solista e per essere più coinvolto nell’insegnamento creando alcuni laboratori di musica improvvisata. Seguiranno molti viaggi, progetti, esibizioni dal vivo e registrazioni. Lavora con Loïs Laplace (Cycling 74), Federico Barabino (Buenos aires), Yumi Fujitani (danse butô, Paris), Les Conserveries mémorielles (Québec), Marc Roques (Zooloop, Paris), Sequana Deux (Contemporary Art from Le Havre to Paris “ABRUIT”), Jannick Schou (Denmark), Raphaël Maze and Francois Lebègue (“Light Cone ” experimental cinema Paris), Nozal cube (Le Havre), The Future Ethnic Comparative Research Lab. (Paris), La cité de la musique (Paris), Jean Luc Petit,(FR) Sandrine Lascaux (Lecturer, Le Havre University), JP.Gomez, JP Buisson (Le Havre) M.Thouseau and V.Sauve (Paris), Blaise Merino (London), Mangane (Senegal), P.Sigmoon (Cambodia), Jack Wright (US), Raymond Alan Kaczynski, Mike Majkowski,(Berlin), Zachary Darrup (US) .

Nel 2008, ha pubblicato il suo primo album solista “Le Lieu” prodotto da Dirty Demos (Regno Unito), poi nel 2009 due CD “She” con Utech Records (USA) e “Here” con Kvist Records (USA). E nel 2011 “Lost Chords” con Dead pilot Records UK.

«Nel suo ultimo disco, Lost Chords del 2011, Gargaud ha creato un pezzo essenziale di musica per l’avanguardia elettronica, un capolavoro che si colloca al fianco di Black Sea di Fennesz per quanto riguarda la sua raffinatezza, l’attenzione al dettaglio, l’influenza e la brillantezza. Pur essendo un disco elettronico, è anche un bellissimo disco per chitarra solista, che richiama elementi di Steffen Basho-Junghans o Nick Drake.» Groovenime, recensione di by Neil Leven

LA MUSA
Bernadette Zeilinger (Austria)
registratore – contrabbasso e vari flauti
Diego Muné (Argentina) – chitarra

Questi due musicisti con background molto diversi presenteranno un favoloso programma di assoli, che unisce due diversi tipi di virtuosismo.
Con una straordinaria indipendenza di voci diverse, Bernadette Zeilinger crea insiemi di suoni in movimento, difficili nel capirne la provenienza, l’inizio e lo spazio che riempiono. Con tecniche moderne avanzate, costruisce un contrappunto, che aleggia tra contemporaneo e celtico. Potrai sentire le sue morbide melodie librare leggere nell’aria. Diego Muné gioca con il fuoco e l’energia. Le sue mani in rapido movimento creano molte note in brevissimo tempo e danno vita a ritmi incisivi musicalmente complessi. Forma una varietà di suoni e realizza tonalità che imitano altri strumenti. Caldo e massiccio, il suo modo di suonare risveglia sentimenti nascosti, “stendendo” gli ascoltatori; lasciandoli sentire le loro radici. La profondità della sua potente interpretazione è meravigliosa e mistica.

Parallelamente alle loro altre attività musicali professionali, questi due musicisti hanno preparato i loro assoli per molti anni. Dopo un lungo periodo di collaborazione, ora è il momento giusto per suonarli assieme.

Bernadette Zeilinger e Diego Muné hanno presentato il loro nuovo progetto già in Francia (Parigi, Bordeaux, Bormes de Mimosas), Gran Bretagna (Londra, Cheltenham), Svizzera (Zurigo, Basilea, Berna), Ungheria (Budapest), Austria (Vienna, Linz , Graz), Germania (Monaco di Baviera), Italia (Roma, Torino, Genova), Stati Uniti (New York, Boston, Chicago, Iowa City, Cleveland – Ohio, Grand Rapids – Michigan, Omaha – Nebraska, Denver – Colorado, Oakland, Los Angeles, San Diego – California), Messico (Tijuana, Città del Messico), Canada (Montreal), Hong Kong, Cina (Shanghai, Pechino), Giappone (Tokyo, Hakodate), Australia (Sydney, Melbourne, Hobart – Tasmania), Nuova Zelanda (Christchurch, Wellington, Auckland) tra gli altri a Schloss Schoenbrunn, Wiener Konzerthaus, Biblioteca nazionale Austiran, Votivkirche, Otto-Wagner-Kirche, Ruprechtskirche, ORF RadioKulturhaus, Porgy & Bess, Museumsquartier, Leopold Museum e Ambasciata giapponese a Vienna, Ars Electronica Center Linz, Stadtmuseum Munich, all’Università di Vienna, Unive rsity of Gloucestershire a Cheltenham, Northern Arizona University, University of San Diego, No Nation Gallery a Chicago, Hong Kong Arts Center, MONA Museum of Old and New Art in Tasmania, Testing Grounds a Melbourne, The Arts Centre of Christchurch e molti altri luoghi.
In collaborazione con Forum Zeitgeschichte e l’Università di Vienna, curano la serie di concerti La Musa _ concerti nel campus dell’Università di Vienna.

Interprete e compositrice, Bernadette Zeilinger ha conseguito lauree in Scienze dell’educazione (Università di Vienna), Music / Recorder (Università di musica e arti sceniche di Vienna) e Specialized Music Performance (Università di scienze applicate e arte della Svizzera nordoccidentale / Musica a Basilea), dove ha studiato con Alfred Zimmerlin e Fred Frith. Ha ricevuto il voto più alto possibile nel suo concerto del Master nel 2009 e nel 2010 è stata nominata per una residenza Erasmus presso l’Università delle Arti di Zurigo. Nel 2009 ha vinto un premio dall’Austria International Society of Contemporary Music (ISCM), in riconoscimento del suo servizio radiofonico sulla musica contemporanea. Ha anche ricevuto diverse borse di studio.

Compositore e chitarrista virtuoso, Diego Muné è cresciuto interpretando musica contemporanea, dodecafonismo, musica classica, folklore argentino, blues, jazz e altri stili. Ha iniziato a esplorare le risonanze speciali della chitarra, quando era un bambino, sviluppando il suo modo di suonare molto peculiare. Ha suonato su più di 500 produzioni di CD, registrato musica per diversi film e preso parte a diversi tipi di progetti multidisciplinari. È stato il direttore musicale del film “El Gran Vuelo”, che ha vinto i premi Prix Som Cinema, Alcances, CIMA, AICE, Feroz Puerta Oscura, Sole Luna e il premio del Festival di Malaga. Diego Muné sta anche lavorando a progetti di ricerca scientifica, collaborando con uno dei più grandi centri di ricerca: il CNR di Pisa in Italia, dove un team di medici studia i suoi concerti.

Newsletter

Guarda anche..

mercato-latina

Latina. Mercato settimanale R6: Fiva Confcommercio Lazio Sud incontra il Comune

Si è tenuto nei giorni scorsi un incontro, tra l’Assessore al Commercio del Comune di …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi