Home | IN News | Latina. Valorizzazione dei percorsi naturalistici

Latina. Valorizzazione dei percorsi naturalistici

Sono state approvate oggi dalla Giunta comunale due importanti delibere per la valorizzazione turistica e paesaggistica del nostro territorio.

La prima riguarda l’adesione del Comune di Latina al Contratto di Fiume “Cavata e Linea Pio”, uno strumento che impone e favorisce la pianificazione e la programmazione strategica integrata lungo tutto il corso d’acqua che va dall’area di Monticchio fino a Terracina. Il contratto si sta realizzando attraverso un processo partecipativo che coinvolge diversi enti e attori del territorio: la Regione Lazio, la Provincia di Latina , l’Autorità di Bacino, il Consorzio di Bonifica e i Comuni di Latina, Sermoneta, Sezze, Pontinia, Terracina oltre alle associazioni culturali “Cavata Flumen” e “Amici della Macrostigma del Ninfa”. Obiettivo principale del Contratto è favorire la rinascita naturalistica e paesaggistica del corso d’acqua con il raggiungimento degli standard di qualità imposti dalle direttive europee. Ultimate le adesioni degli enti seguiranno due ulteriori passaggi: il bando regionale per la predisposizione di tutti gli interventi programmati nel Contratto e successivamente l’indizione, sempre da parte della Regione Lazio, di ulteriori bandi che permetteranno alle aziende agricole e alle realtà imprenditoriali interessate dal percorso del fiume di finanziare le opere di valorizzazione e riqualificazione.

La seconda delibera approvata dalla Giunta ha come oggetto l’adesione del Comune al protocollo di intesa sottoscritto tra i comuni di Anzio e Jenne per la valorizzazione delle Vie della Transumanza. Il protocollo prevede di valorizzare il percorso che un tempo seguivano i pastori e che collegava i due Comuni conducendo alle zone di pascolo e coltivazione presenti nelle ex paludi pontine. L’itinerario interessa zone di particolare pregio ambientale quali il territorio del monumento naturale di Torrecchia Vecchia, tra Cisterna e Cori, il lago di Giulianello, la Selva di Paliano in Ciociaria e il Parco dei Monti Simbruini. Caratteristica di questo percorso è l’intersezione con due tratti della Via Francigena del Sud che interessano anche il comune di Latina. Il protocollo è stato stilato ai sensi della Legge regionale n.2/2017 che disciplina la promozione e la valorizzazione della Rete dei Cammini della Regione Lazio, costituita da percorsi storici, sentieri e mulattiere presenti sul territorio da almeno cento anni. All’intesa hanno aderito, oltre ai Comuni di Latina, Anzio e Jenne, la città metropolitana di Roma, le province di Latina e Frosinone e i comuni di Nettuno, Aprilia, Cisterna, Cori, Artena, Colleferro, Paliano, Serrone e Arcinazzo Romano.

Newsletter

Guarda anche..

piazza del popolo latina

Latina partecipa al lutto nazionale per il tragico evento di Genova

L’Amministrazione Comunale di Latina si unisce alla giornata di lutto nazionale proclamato per sabato 18 …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi