Home | IN News | Anna Scalfati denuncia: “Lago di Paola diviso in lotti, la speculazione a Sabaudia riparte”

Anna Scalfati denuncia: “Lago di Paola diviso in lotti, la speculazione a Sabaudia riparte”

«Ancora una volta il lago di Paola è l’obiettivo: una divisione in lotti tutti uguali, quasi fosse un residence o una multiproprietà».

E’ quanto denuncia Anna Scalfati la proprietaria di maggioranza di questo bene ambientale già protetto da direttive comunitarie e da circa trecento anni sede della più antica attività imprenditoriale di pesca del centro sud. La giornalista ex dirigente Rai già nel 2007 si trovò a dovere difendere questa porzione prestigiosa del Parco del Circeo dalla aggressione di un porto abusivo per 1300 barche e dal tentativo di fare uscire scafi di 40 metri dall’antico canale augusteo che dal lago giunge al mare.

«Mi sento come quel giurista turco che dice di volere mettere il suo sapere al servizio del Paese – afferma la proprietaria del lago Di Paola- ecco io sento di dovere di mettere la mia capacità di comunicare al servizio di tutti quegli imprenditori che decidono di togliersi la vita perché non riescono ad affermare i loro diritti. Come può una Azienda ittica essere divisa in lotti? E come è possibile – si chiede ancora – che una minoranza della proprietà superi la evidente impossibilità di frazionare una attività economica tradizionale che, tra l’altro, ha garantito in questi anni la tutela del bene? E ne determini in cinquanta giorni il blocco totale delle attività e la perdita di posti di lavoro? Come è possibile che in Provincia di Latina una Azienda che funziona chiuda i battenti a seguito di una aggressione che ne vanifica il prestigio e i progetti?».

Tutto ciò sarebbe già avvenuto nel silenzio- ovvero attraverso una divisione in lotti si sarebbe frantumato quel muro di legalità costruito faticosamente dopo l’abbattimento fraudolento della Chiusa Pontifica a ridosso di torre Paola- se, da cinquanta giorni la giornalista, erede suo malgrado di questa Azienda, non si fosse rivolta alle Forze di Polizia e ai giornali denunciando una vera e propria estorsione.

«Se ti dicono – afferma Anna Scalfati- che, “o firmi o ti distruggiamo” e in ballo non c’è la proprietà di un terreno agricolo o di una villa al mare ma la unità della antica Azienda Vallicola del Lago di Paola, con tutte le sue attività e la sua storia centenaria, storia del territorio e storia personale di battaglie per la tutela. Se dietro a tutto ciò, ancora una volta, c’è un tentativo di impossessarsi di porzioni di quell’area che da duemila anni non ha modificato il suo profilo…Se ancora una volta si sente il vuoto intorno ed è chiaro che le mafie non uccidono più in modo tradizionale ma ti fanno morire in silenzio…Se accade questo, bisogna alzare la voce. Raccontare e denunciare tutto, senza timore.»

 

Newsletter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi