Home | IN News | In Attualità | Sermoneta. Bambini non vaccinati non ammessi alla scuola dell’infanzia: l’ordinanza

Sermoneta. Bambini non vaccinati non ammessi alla scuola dell’infanzia: l’ordinanza

Il sindaco di Sermoneta Claudio Damiano ha firmato l’ordinanza numero 13 del 4 settembre 2018 con la quale stabilisce che “nell’anno scolastico 2018/2019 nessun bambino al di sotto dei sei anni sia ammesso a frequentare i servizi educativi per l’infanzia nonché le scuole dell’infanzia, ivi incluse quelle private non paritarie, senza la preventiva verifica delle vaccinazioni obbligatorie ex lege presso l’anagrafe vaccinale della Regione Lazio”.

La legge 119 del 2017 sancisce l’obbligo di sottoporre i bambini alle vaccinazioni rese obbligatorie da detta normativa.
“Il Sindaco, in qualità di autorità sanitaria locale, ha la responsabilità della tutela della salute pubblica dei propri cittadini, e pertanto è competente all’emanazione di tutti i provvedimenti autorizzativi, concessivi, prescrittivi, cautelativi e repressivi comprese le ordinanze contingibili ed urgenti in materia di igiene, sanità e salvaguardia dell’ambiente nell’ambito del territorio comunale”, si legge nel testo dell’ordinanza. “Le scuole sono frequentate anche da bambini con immunodepressione di ogni tipo, pertanto, ammettere bambini non vaccinati nelle scuole espone i primi ad un elevato rischio per la loro salute”.

Nell’ordinanza viene ricordato anche che la Regione Lazio ha istituito l’anagrafe vaccinale attraverso la quale tutte le istituzioni scolastiche pubbliche e private e i responsabili dei servizi educativi per l’infanzia possono conoscere in tempo reale lo stato delle vaccinazioni di ogni bambino.

«Sui bambini più grandi frequentanti la scuola dell’obbligo faremo un monitoraggio ed applicheremo le sanzioni per i bambini non vaccinati, come previsto dalla normativa», precisa il Sindaco Damiano.

Newsletter

Guarda anche..

sermoneta

Il Comune di Sermoneta promuove i diritti dei figli nella separazione dei genitori

Il Comune di Sermoneta ha deciso di promuovere, attraverso il proprio sito web istituzionale, la …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi