Home | IN News | Sabaudia. Maltempo: chiesto lo stato di calamità naturale e di emergenza

Sabaudia. Maltempo: chiesto lo stato di calamità naturale e di emergenza

La Giunta comunale ha chiesto alla Regione Lazio il riconoscimento dello stato di calamità naturale per i gravissimi danni subiti a seguito del violento nubifragio che ha interessato l’intera penisola italiana nei giorni scorsi, con aggravio e potenziamento dei fenomeni temporaleschi nella giornata di lunedì 29 ottobre, e conseguentemente anche il riconoscimento dello stato di emergenza, inserendo il Comune di Sabaudia nello stato di emergenza regionale. Un atto dovuto e imprescindibile considerati i vari danneggiamenti subiti da cittadini, aziende e attività del territorio comunale.

Il presente provvedimento è stato inoltrato al presidente della Regione Lazio, all’Assessorato all’Agricoltura – Ambiente e Risorse Naturali della Regione Lazio, all’Agenzia regionale di Protezione Civile della Regione Lazio, alla presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento di Protezione Civile e al Ministero dell’Ambiente e della tutela del territorio e del mare, al prefetto e al presidente della Provincia di Latina.

Con la suddetta delibera di Giunta, è stato dato atto agli Uffici di predisporre apposito modello di domanda per la richiesta di risarcimento danni da parte di privati cittadini e aziende da inviare alla Regione tramite il Comune di Sabaudia – Dirigente dell’Area Vasta Tecnica. I suddetti modelli possono essere scaricati dal sito web istituzionale del Comune di Sabaudia: a destra della home page si trova apposito banner, cliccando sul quale si accede a tutta la documentazione suddetta.

Un importante atto in merito alla situazione emergenziale tuttora esistente a Sabaudia è stato predisposto dalla Maggioranza durante la seduta di ieri sera del Consiglio comunale: i consiglieri, in virtù dei danneggiamenti alle infrastrutture e delle cadute di diversi alberi ad alto fusto riscontrati, hanno presentato una mozione chiedendo alla Giunta, al sindaco e agli Uffici preposti di attivare tutti gli atti necessari a verificare lo stato delle alberature di proprietà dell’Ente comunale, comprese quelle della Provincia e della Regione che ricadono all’interno del territorio comunale, al fine di rimuovere criticità e rischi per la popolazione. Con la mozione si invitano altresì i suddetti ad ordinare la manutenzione e l’abbattimento degli alberi pericolosi ai legittimi proprietari o in alternativa a incaricare il Comune ad eseguire gli interventi individuati e ritenuti necessari per la tutela dell’incolumità pubblica, in danno dei rispettivi proprietari.

Il presente atto è stato emesso alla luce dei provvedimenti già adottati dell’Amministrazione comunale: protocollo d’intesa tra Comune, Ente Parco e Carabinieri Forestali del giugno scorso, l’attività di censimento e georeferenziazione (determina 1 dell’11 settembre 2018), la proposta di deliberazione sul Piano del Verde, la delibera di Giunta per lo stato di stato di calamità naturale, l’ordinanza sindacale per la chiusura degli edifici scolastici del 29 ottobre 2018 e l’ordinanza sindacale per estrema urgenza per taglio e potature delle alberature.

Newsletter

Guarda anche..

aprilia

Aprilia. Danni agricoltura per maltempo: il Sindaco invia segnalazione alla Regione Lazio

Il Sindaco di Aprilia, Antonio Terra, ha firmato questa mattina la lettera indirizzata alla Regione …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi