Home | IN News | In Eventi | Al Ponchielli di Latina secondo appuntamento con “Domenica a teatro con mamma e papà”

Al Ponchielli di Latina secondo appuntamento con “Domenica a teatro con mamma e papà”

“Teatro Ragazzi di Latina”, una delle realtà associative più longeve della provincia, presenta il secondo appuntamento della rassegna teatrale Domenica a teatro con mamma e papà. Una rassegna dedicata ai ragazzi con l’intento di trasmettere ai più piccoli l’amore per il teatro e il messaggio che la cultura può essere un’esperienza gioiosa, colorata, da vivere anche al di fuori della scuola, con i propri genitori.
L’associazione, nata dall’impegno di un gruppo d’insegnanti e di professionisti del settore teatrale, propone l’interessante iniziativa culturale costruita in stretta collaborazione con le realtà scolastiche della provincia di ogni ordine e grado.
La direttrice artistica della rassegna, Melania Maccaferri ha scelto per questo secondo appuntamento lo spettacolo: “I 4 moschettieri in America”, messo in scena dalla compagnia I Sacchi di Sabbia, compagnia che dal 1995 si è distinta sul piano nazionale, per aver ricevuto importanti riconoscimenti sul percorso di ricerca improntato nella reinvenzione di una scena popolare contemporanea. In perenne oscillazione fra tradizione e ricerca, tra comico e tragico, I Sacchi di Sabbia concretizzano il loro linguaggio tra le arti (arti visive, danza, musica) e ricerca di luoghi performativi inconsueti, con uno sguardo vivo e attento al territorio in cui l’evento spettacolare è posto.
Sottolinea Melania Maccaferri: “ L’obiettivo primario dell’iniziativa è di formare degli spettatori attenti, consapevoli e sensibili al linguaggio teatrale e stimolarli a frequentare i teatri della città. I bambini sono un pubblico molto esigente e assai delicato ed è necessaria una capacità che non lasci margine all’approssimazione, per questo motivo, le professionalità impiegate in questa iniziativa, sono altissime.”.
I 4 Moschettieri In America – Sinossi
Giovedì 18 ottobre 1934 – dieci anni dopo l’inizio ufficiale in Italia delle trasmissioni radiofoniche – andò in onda la prima puntata de“I 4 moschettieri” – parodia di Nizza e Morbelli con musiche di E. Storaci. Abbinata a un famoso concorso di figurine sponsorizzato dalla Perugina, la radio rivista s’impose in poche settimane come un vero e proprio fenomeno di costume, contribuendo decisamente alla diffusione e alla vendita degli apparecchi radiofonici in Italia.Angelo Nizza e Riccardo Morbelli, i giovani autori piemontesi che la tennero in vita ininterrottamente per quattro anni, s’ispirarono al famoso capolavoro di Dumas, riscrivendo in stile parodico le famose gesta di Athos, Porthos Aramis e D’Artagnan. “I 4 moschettieri” lasciò un segno indelebile nell’immaginario collettivo italiano (la“trasmissione più seguita di tutti i tempi”), ergendosi a crocevia delle più disparate esperienze artistiche e pubblicistiche.
Persino il cinema di quegli anni ne fu influenzato: Il Feroce Saladino di Mario Bonnard (1936) e “I 4 Moschettieri” di Carlo Campogalliani con le marionette dei Fratelli Colla ne sono fulgidi esempi.
Ottant’anni dopo, I Sacchi di Sabbia hanno dato un sequel a“I 4 moschettieri”, dapprimacon un radiodramma, realizzato per Radio 3 all’interno del progetto Radio Days di Santarcangelo 14 ed ora con questo spettacolo teatrale, dedicato ai bambini, che
ripropone, in un’inedita sperimentazione visiva, le atmosfere e i personaggi del radiodramma.
“I 4 moschettieri in America” è ambientato nell’America degli Anni Trenta, qui, i famosi eroi di Dumas si ritrovano a inseguire, tra gangster, pupe e sparatorie, il sogno di una nuova grandezza, che solo il cinema potrà soddisfare.
Un“pastiche”che alla maniera di Nizza e Morbelli si avvale di gustose contaminazioni: dal cinema di Billy Wilder, ai testi di Jules Verne, alle modernegraphic novel.
Restituire un radiodramma alla sua fruizione visiva, tracciare figure lasciando a chi guarda il lavoro di immaginare, è il cuore di questa avventura dedicata ai piccoli spettatori.Complice della compagnia, il pittore Guido Bartoli, chiamato a illustrare il teatro giocattolo che costituirà il centro della scena. Lo spettacolo è stato presentato in tre puntante in occasione dell’edizione 2015 di “Infanzia e città”.

Newsletter

Guarda anche..

festa-della-mietitura

Convegno “Giovani e Agricoltura: opportunità e sviluppi”

“Giovani e Agricoltura: opportunità e sviluppi”, è il titolo del convegno che si terrà lunedì …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi