Home | IN News | In Eventi | Giovanni Fontana, inaugurazione a Roma della mostra antologica

Giovanni Fontana, inaugurazione a Roma della mostra antologica

Giovedì 2 marzo scorso, lo Studio Varroni / Eos Libri d’Artista ha inaugurato a Roma la mostra di Giovanni Fontana. In questa piccola antologica l’autore ha presentato il suo lavoro di ricerca, nelle diverse modalità di sperimentazione che lo contraddistinguono e che hanno caratterizzato la sua poliedrica attività artistica espressa negli anni. Nella circostanza, davanti ad un pubblico particolarmente attento, sono stati esposti libri d’artista e opere su carta, oltre ad una notevole documentazione di libri di poesia, narrativa, saggi e riviste, che hanno messo in evidenza una parte significativa attinente alla sua produzione editoriale. Sono state presentate inoltre una riedizione del libro d’artista The last jump of the slacker poet del 1997 e il primo numero di RivistaFoglio, dedicato alla sua poetica assieme ad una documentazione di numerose performance. Sarà possibile visitare la mostra fino al 14 aprile 2017, nei giorni dal martedì al venerdì su appuntamento presso lo Studio Varroni / Eos Libri d’Artista, in Via Saturnia 55, int. 2 (angolo P.zza Epiro) dalle ore 18 – 20,30.

Fontana, originario di Frosinone è autore di numerose pubblicazioni in forma tradizionale e multimediale. Tra gli autori storici della poesia visiva e sonora, negli anni Settanta inizia la sua collaborazione con Adriano Spatola, che gli pubblica Radio/Dramma (Geiger, 1977), testo che si pone tra poesia verbo-visiva, scrittura paramusicale, fonetismo, partitura d’azione, libro d’artista. Entrando, nel 1978, nella redazione di “Tam Tam”, inizia a frequentare i territori della sperimentazione poetica internazionale stringendo rapporti di collaborazione con i più signifi-cativi esponenti: da Dick Higgins a John Giorno, da Henri Chopin a Bernard Heidsieck, da Julien Blaine a Jean-Jacques Lebel. Nell’anno 1979 costituisce il gruppo “Il Dolce Stil Suono con Arrigo Lora Totino, Adriano Spatola, Giulia Niccolai, Milli Graffi ed altri poeti sonori italiani”.

Nella sua carriera, ha collaborato con la rivista “Anterem” e con le redazioni di “Baobab” e “Altri Termini”. Ha fondato la rivista di poetiche intermediali “La Taverna di Auerbach” e l’audiorivista “Momo”. È direttore di “Territori”, rivista di architettura e altri linguaggi, ed è impegnato oggi nelle redazioni di “Doc(k)s” (Francia), “Inter-Art actuel” (Canada), “Bérénice” e “Le Arti del Suono”. E’ il caso di sottolineare una vita colma di novità culturali ed artistiche che mettono in risalto la figura di un protagonista serio e profondamente innovativo sotto il profilo di un’originale poetica.

Newsletter

Guarda anche..

pompei-e-santorini

Mostra: Pompei e Santorini. L’eternità in un giorno

Le Scuderie del Quirinale, dall’11 ottobre 2019 al 6 gennaio 2020, racconteranno, con la mostra …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi