Home | IN News | Parco del Circeo: attività di monitoraggio avifauna acquatica

Parco del Circeo: attività di monitoraggio avifauna acquatica

Anche quest’anno il Parco Nazionale del Circeo ha svolto le consuete attività di monitoraggio dell’avifauna acquatica con il rilevamento ornitologico degli uccelli presenti nelle zone umide dell’area protetta, in particolare nei 4 laghi costieri di Fogliano, Monaci, Caprolace e Sabaudia e nei limitrofi pantani, canali e prati-pascoli.

L’attività, che si è svolta lo scorso 12 gennaio, si inserisce nell’International Waterfowl Census. Il lavoro, condotto dal Gruppo Pontino Ricerche Ornitologiche (GPRO) con il coordinamento del Presidente Ferdinando Corbi, coordinatore locale individuato dall’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA) del Ministero dell’Ambiente, ha visto coinvolto un gruppo di una decina tra associati e volontari.

L’importanza di tale attività di monitoraggio per il Parco è sottolineata dall’aver sottoscritto a partire dal 2016 un protocollo d’intesa con il Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga avente come oggetto proprio l’International Waterbird Census (IWC) – una rete tra le aree protette, azione di sistema che si inserisce nell’ambito di quei progetti riguardanti la conservazione della biodiversità realizzati in coordinamento con le altre aree protette nazionali e finanziate dal Ministero dell’Ambiente con apposite direttive per “l’impiego prioritario delle risorse finanziarie assegnate ex Cap.1551: indirizzo per le attività dirette alla conservazione della biodiversità”.

“Il monitoraggio caratterizzato dalla raccolta di dati ripetuta a lungo termine – hanno sottolineato il Direttore dell’Ente Parco, Paolo Cassola e il Federico Corbi del GRPO – sulla presenza delle diverse specie di uccelli acquatici e il loro numero sono indicatori importanti per la gestione e la comprensione delle zone umide e degli ecosistemi in esse presenti. Il risultato di queste ricerche sarà prossimamente pubblicato sul sito internet dell’Ente Parco”.

Newsletter

Guarda anche..

“Natura Inclusiva – Parco Amico”: una buona pratica tutta italiana che conquista la Svezia

Una delegazione di esperti svedesi ha effettuato in questi giorni un educational visit nei Parchi …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi