Home | IN News | In Cultura | Donne corpo e immagine tra simbolo e rivoluzione: alla GAM novità e iniziative

Donne corpo e immagine tra simbolo e rivoluzione: alla GAM novità e iniziative

DONNE corpo e immagine tra simbolo e rivoluzione, la mostra in corso fino al 13 ottobre 2019 alla Galleria d’Arte Modena di Roma, si arricchisce di nuove opere che andranno a comporre dei veri e propri “omaggi” a cinque importanti artiste contemporanee: Marina Abramovic, Carla Accardi, Mirella Bentivoglio, Maria Lai e Titina Maselli.

L’esposizione delle loro opere sarà l’occasione per riflettere su queste straordinarie protagoniste dell’arte “al femminile”, sulle loro scelte linguistiche e poetiche e sulle differenti modalità di intendere il proprio impegno nell’ambito artistico e pubblico.

Inoltre, è stato anche realizzato un corposo programma di incontri culturali, performances, proiezioni, readings e azioni teatrali, nell’intento di ricostruire attraverso la storia, le arti, la cultura e le artiste protagoniste del periodo, un’immagine a più riflessi dell’evoluzione della rappresentazione del corpo della donna fra XX e XXI secolo.

Marina Abramovic (fino al 21 luglio 2019) sarà presente in mostra con il video originale della performance realizzata dell’artista insieme a Ulay, Imponderabilia, il 2 giugno 1977 presso la Galleria Comunale d’Arte Moderna di Bologna, nell’ambito della Settimana Internazionale della Performance. I due – storici – corpi nudi, l’uno di fronte all’altro, dei due performers a scandire l’entrata del pubblico nel museo. A riflettere sul tempo dell’azione la trascrizione filmica delle stesse parole dell’Abramovic a ricordo e commento dell’evento, tratte da Attraversare i muri. Un’autobiografia (2016). In collaborazione con l’Istituzione Bologna Musei – MAMBO Museo Arte Moderna Bologna.

A seguire Carla Accardi (dal 23 luglio al 1 settembre 2019), in mostra con una serie di importanti opere dei decenni Settanta e Novanta, fra i quali alcuni bozzetti originali inediti e/o da molto tempo non esposti. Come il “Bozzetto per scultura” (1971-’72) per la Scuola elementare Livio Tempesta di Roma e il “Bozzetto” (1971-’72) per la Scuola media all’epoca dedicata a Luigi Fantappié, sempre di Roma. Sarà anche esposta documentazione originale, proveniente da ARCHIVIA Archivi Biblioteche Centri Documentazione delle Donne di Roma che bene approfondirà l’impegno e l’attività politica e culturale dell’artista.

Continuano anche gli incontri in mostra: venerdì 5 luglio (ore 17,00-18,00), Paola Stelliferi (Università degli Studi Roma Tre), s’intratterrà sul tema FEMMINISMO, la storia di una denominazione e di un movimento, conferenza a cura della Società Italiana delle Storiche. Mentre giovedì 11 luglio (ore 17,00-18,00), Paola Rivolta (scrittrice), RITRATTI DI DONNE: FEMM. Storie di figure femminili amare, malinconiche, perfide, ironiche che raccontano l’ambiguità della natura umana.

Per quanto riguarda invece gli Eventi on open air, nel chiostro/giardino della GAM, venerdì 21 giugno (ore 19,30-21,30) lo spettacolo DIDONE, PER ESEMPIO con Mia Benedetta e Chiara Tomarelli tratto da Didone, per esempio. Nuove storie dal passato di Mariangela Galatea Vaglio. L’autrice sarà presente all’evento.

Giovedì 18 luglio (ore 18.30-21.30), sempre nel chiostro/giardino, serata speciale di poesia e cinema di poesia dal titolo DONNE IN AZIONI E PAROLE, con un reading di poesia di Lucianna Argentino, Stella Cacciamani, Antonella Maria Carfora, Patrizia Chianese, Enza Cigliano, Laura Colombo, Rossana Coratella, Stefania Di Lino, Raff­aella Lanzetta, Maria Teresa Laudenzi, Carolina Lombardi, Stefania Lubrani Fiore, Camelia Mirescu, Maria Grazia Savino, Italia Talamonti, le quali presenteranno anche la loro POETESSA DELL’ANIMA: POETESSE CHE PROPONGONO POETESSE lette da Francesca Golia (attrice) e un omaggio alla poetessa Flavia Falduto (1960-1980). A chiudere la serata la proiezione del film IL CIELO IN ME. VITA IRRIMEDIABILE DI UNA POETESSA, dedicato alla vita e all’arte di Antonia Pozzi (1912-1938), regia di Sabrina Bonaiti e Marco Ongania, Italia 2014 (67’). In collaborazione con il Comune di Pasturo (Lecco).

La mostra, a cura di Arianna Angelelli, Federica Pirani, Gloria Raimondi e Daniela Vasta, è promossa da Roma Capitale, Assessorato alla Crescita culturale – Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali. Organizzazione Zètema Progetto Cultura, in collaborazione con Cineteca di Bologna e Istituto Luce. Mentre il programma degli eventi è stato realizzato anche con la collaborazione di: Centro Sperimentale di Cinematografia – Cineteca Nazionale, RAI Teche e Società Italiana delle Storiche.

Newsletter

Guarda anche..

Roberto Cotroneo

Due nuovi appuntamenti con la letteratura al Maxxi di Roma

Due nuovi appuntamenti con la letteratura nella piazza del Museo nazionale delle arti del XXI …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi