Emergenza coronavirus: provvedimenti a sostegno dell’economia locale

E’ stata approvata la “Moratoria regionale straordinaria 2020” per gli strumenti di agevolazione creditizia attivati dalla Regione Lazio.
Si tratta della sospensione per 60 giorni di tutti i termini relativi ai procedimenti per la concessione di sovvenzioni regionali in favore dei beneficiari, attivati dal Programma operativo POR FESR LAZIO 2014-2020.

Moratoria regionale straordinaria 2020
La moratoria si applica ai finanziamenti o garanzie concessi in attuazione delle seguenti disposizioni:
L. 14 ottobre 1964, n. 1068 “Istituzione presso la Cassa per il credito alle imprese artigiane di un Fondo centrale di garanzia e modifiche al capo VI della L. 25 luglio 1952, n. 949, recante provvedimenti per lo sviluppo dell’economia e l’incremento dell’occupazione”;
L. 27 febbraio 1985, n. 49 Provvedimenti per il credito alla cooperazione e misure urgenti a salvaguardia dei livelli di occupazione. “Fondo di Rotazione per la Promozione e lo sviluppo della Cooperazione (Foncooper).”
POR-FESR Lazio 2007-2013:
Attività I. 5.3. “Fondo per il finanziamento del capitale circolante e degli investimenti produttivi delle PMI”;
Attività II. 1 “Fondo di promozione dell’efficienza energetica e della produzione di energia rinnovabile” del “Nuovo Fondo di Ingegneria finanziaria a favore delle PMI a valere sul POR-FESR Lazio 2007-2013”;
linea di intervento “SMART ENERGY FUND” – Attività II. 1 “Fondo di promozione dell’efficienza energetica e della produzione di energia rinnovabile” del “Nuovo Fondo di Ingegneria finanziaria a favore delle PMI a valere sul POR FESR Lazio 2007-2013”;
Attività I. 5.1 “Potenziamento dei Confidi”;
Fondo di garanzia per le imprese interessate dai Plus attivato con le risorse del POR FESR2007/2013 Attività 1.5;
Asse I. 5.4 “Sezione speciale del Fondo Centrale di garanzia” (secondo la disciplina approvata dalMinistero per lo Sviluppo Economico per l’emergenza epidemiologica Covid-19);
Attività I. 5. 3. “Fondo per prestiti partecipativi alle start up”;
Attività I. 5.1. “Fondo di patrimonializzazione PMI” del “Nuovo Fondo di Ingegneria finanziaria afavore delle PMI a valere sul POR FESR Lazio 2007-2013”;
Fondo per il sostegno del credito alle imprese del Lazio ex art. 20 della L.R. 9/2005;
Fondo ex art. 67 della L.R. 27/2006 I e II bando;
Fondo di Garanzia Accesso al Credito PMI Lazio ex art. 52 della L.R.11/97 (costituito ai sensi della modifica di cui all’art. 13 della L. R. 3/2004);
Fondo di Garanzia Regione Lazio ex art. 52 della L.R. 11/97 costituito ai sensi della modifica di cui all’art. 60 della L. R. 9/2005;
Fondo di garanzia – Settore agricolo ex art. 78 L.R. 02/2004 “Agricoltura”;
L. 25 luglio 1952, n. 949 “Provvedimenti per lo sviluppo dell’economia e incremento dell’occupazione” e L. 21-5-1981 N.240 “Provvidenze a favore dei consorzi e delle società consortili tra piccole e medie imprese nonché delle società consortili miste” – Fondo contributi interessi e in conto canoni;
Interventi attivati nell’ambito del Fondo di Fondi FARE Lazio – POR FESR Lazio 2014-2020:
Fondo Rotativo Piccolo Credito;
Fondo di Riassicurazione;
Interventi attivati nell’ambito del Fondo Regionale per il Microcredito e la Microfinanza ex L.R 6/2010 (art.1 commi 21-28
Interventi attivati prima dell’approvazione del Nuovo Disciplinare (DGR 135/2016) a valere sulle risorse del Fondo Regionale per il Microcredito e la Microfinanza ex L.R 6/2010 (art.1 commi21-28)
Interventi a sostegno delle Adozioni Internazionali ex DGR 685 del 24 ottobre 2017 a valere sul Fondo Regionale per il Microcredito e la Microfinanza ex L.R 6/2010 (art.1 commi 21-28)
Sezione Speciale FSE Fondo Futuro 2007-2013
Sezione Speciale Liquidità Sisma, ex DGR 140 del 28 marzo 2017
Sezione Speciale Gruppo Movimento 5 Stelle Lazio
Sezione Speciale FSE Fondo Futuro 2014-2020
Soggetti ammissibili

Possono presentare domanda di Moratoria Regionale le PMI:

a. finanziate o garantite dalle misure agevolative regionali di cui al precedente art. 1;
b. che alla data della presentazione della domanda (o alla data del Decreto Ministeriale 8 marzo 2020) risultino “in bonis” e pertanto non abbiamo posizioni debitorie classificate come sofferenze, inadempienze probabili, esposizioni scadute e/o sconfinanti deteriorate;
c. che non siano sottoposte ad alcuna delle procedure concorsuali di cui alla legge fallimentare e ss. mm. ii. , non abbiamo emesso assegni ed effetti protestati negli ultimi 5 anni e nei confronti della quale non si rilevino eventi pregiudizievoli da conservatoria (ipoteche legali, ipoteche giudiziali, decreti ingiuntivi, pignoramenti immobiliari ecc.);
d. nel caso di finanziamenti concessi in regime di esenzione per categoria (REG 651/2014), che non siano in difficoltà si sensi del suddetto regolamento.

Sospensione delle rate

La sospensione delle rate può essere concessa per un periodo massimo di 12 mesi.
Le operazioni di sospensione delle rate sono realizzate con le seguenti condizioni e modalità:

a. finanziamenti in essere alla data pubblicazione del presente atto sul B.U.R.L ed a valere sulle misure agevolative regionali di cui al precedente art. 1.

b. Le rate di tali finanziamenti possono essere già scadute (non pagate o pagate solo parzialmente) da non più di 90 giorni alla data di presentazione della domanda da parte della PMI; finanziamenti per i qualinon sia stata già concessa la sospensione della rata di capitale o l’allungamento della scadenza nell’arco dei 24 mesi precedenti la data di presentazione della domanda, ad eccezione delle facilitazioni della specie qualora il finanziamento sia assistito da garanzie, l’estensione di queste ultime per il periodo di ammortamento aggiuntivo è condizione necessaria per la realizzazione dell’operazione.

Allungamento della scadenza

In alternativa a quanto previsto al punto 4 il periodo massimo di allungamento dei mutui può essere concesso all’interessato fino al massimo del 100% della durata residua del piano di ammortamento e, comunque fino ad un massimo di 5 anni.

Guarda anche..

covid

Aggiornamento Coronavirus, nuova ordinanza della Regione Lazio

Dal 29 maggio aperte terme e centri benessere, dal 3 giugno corsi, stage e centri …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi