Sabaudia: Il Dr Schintu torna a casa

Nostro padre, il Dr Salvatore Schintu, e’ stato colpito in data 14 marzo da una forma severa di Covid 19. Intuendo subito la possibile natura della malattia, ha seguito le procedure del ministero della sanità: contatto dei numeri verdi, poi dopo il primo tampone indeterminato, si è voluto recare presso l’apposita area Covid del Ps di Latina. Tc e nuovo tampone hanno confermato la diagnosi. Dopo un primo ricovero in Malattie infettive, si e’ aggravato ed e’ stato disposto il trasferimento in Medicina d’urgenza, dove, dopo alcune valutazioni comparative, e’ stata scelta l’opzione della ossigeno terapia con la C-pap, un casco realmente salvavita, applicato per un paio di settimane. Poi la svolta, pian pianino: ossigenoterapia con maschera di Venturi. E’ stato dimesso con trasferimento in isolamento domiciliare in data odierna. Nostro padre desidera esprimere alcune considerazioni. Sia la sua vicenda personale che i casi dei pazienti con lui ricoverati, rivelano l’intelligente intuito del Direttore Generale Dr Giorgio Casati e dell’assessore alla sanità della regione Lazio Alessio D’Amato che in pochi giorni hanno realizzato una struttura, basata su più reparti, in grado di assistere su più livelli i malati Covid. Tale intervento e’ stato complesso. Nostro padre da paziente medico, ha potuto apprezzare la riorganizzazione dei reparti in termini di medici, personale paramedico, servizi laboratoristici, radiologici e strutturale e logistica, nonché l’utilizzo di tutte le terapie ritenute più idonee secondo le più recenti evidenze. Il Dr Salvatore Schintu infine, ma non per ultimo, sa che deve la sua vita al personale medico e paramedico. Innanzi tutto ringrazia la Drssa Licthner, primario di malattie infettive che lo ha accolto in ospedale, il Dr Aiuti, primario di Medicina D’urgenza, di cui ricorda i tanti segni di incoraggiamento a non mollare, i dirigenti medici come il Dr Romeo, persona meravigliosa sia per la professionalità ma anche perché chiamava ogni giorno i familiari di tutti i pazienti, dando informazioni e conforto, la Drssa Di Rosa e tanti altri medici che si sono prodigati con professionalità e umanità. Ma nostro padre vuole manifestare grande affetto, ringraziamento e riconoscenza verso i paramedici di tutti e tre i reparti dove e’ stato ricoverato. Donne e uomini bravissimi, professionali, che lo hanno sostenuto anche nei momenti più difficili. Ora il Dr Schintu osserverà le procedure previste dalla legge per il rientro in servizio, dovrà recuperare un po’ di forma fisica dopo il lungo allettamento, 37 giorni. Tutta la nostra famiglia vuole infine testimoniare l’apprezzamento al Sindaco di Sabaudia per il lavoro della protezione civile, collegamento tra casa e il reparto di degenza, oltre che quello di paramedici amici che lo hanno voluto aiutare costantemente.Grazie anche dell’affettuosa testimonianza degli amici di nostro padre sia sui social che in privato.

Guarda anche..

comune sabaudia

Sabaudia. Centro diurno, gli utenti fanno ritorno nella sede originaria

Gli utenti del Centro diurno di Sabaudia sono tornati nella sede originaria: da oggi le …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi