Fazzone (FI): “Circa cinquecento italiani sono ancora bloccati in Kenya, il ministro Di Maio intervenga”

“Circa cinquecento connazionali sono bloccati in Kenya e si trovano nell’impossibilità di rientrare in Italia. Ho provveduto ad inviare una nota al ministro degli Affari Esteri Luigi Di Maio affinchè si attivi per far tornare a casa gli italiani.
Si tratta di persone che versano in precarie condizioni ed afflitti da uno stato di grande incertezza sui tempi di un possibile rientro.
Il ministero degli Affari Esteri ad oggi è riuscito ad organizzare un solo volo di rientro, a fine marzo, con 170 passeggeri ed un unico scalo a Milano.
Sarebbe auspicabile poter organizzare un volo speciale da Mombasa con scalo Roma-Milano dando la possibilità a tutti di raggiungere le proprie abitazioni nel nostro Paese, a prezzi accessibili ed evitando di allestire viaggi a costi esorbitanti come è avvenuto per altri connazionali rientrati nelle scorse settimane dalla Cina.
Ho potuto notare come il capo della Farnesina durante questo periodo abbia profuso un grande e costante impegno nell’accogliere gli aerei provenienti da Paesi esteri, Cina in primis, contenenti aiuti materiali utili per fronteggiare l’emergenza sanitaria in corso.
Ritengo però che sarebbe altrettanto meritevole di attenzione il monitoraggio sulla situazione degli italiani tuttora bloccati all’estero e costretti a rinviare il loro rientro nella nostra penisola.
Ho chiesto quindi al ministro Di Mario di intraprendere iniziative urgenti per dare garanzia ai nostri connazionali, consentendo loro di non restare ostaggi di una situazione di cui non hanno alcuna colpa.
Il governo deve intervenire per risolvere immediatamente questa emergenza, dando risposte alle tante famiglie che stanno vivendo ore di angoscia nell’attesa di poter ricongiungersi con i propri cari quanto prima”.

Lo dichiara in una nota il senatore di Forza Italia, Claudio Fazzone

Guarda anche..

claudio fazzone

Fazzone: “Il governo chiude le discoteche? Servono test e tamponi per chi arriva da fuori”

“La soluzione adottata dal governo di chiudere discoteche e locali da ballo non risolve certo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi