Massimo Celebrin
Massimo Celebrin

Massimo Celebrin sul consumo del suolo agricolo

Il tema ci riguarda da vicino essendo il nostro un territorio a forte vocazione agricola, che crea l’indotto economico più rilevante nell’ambito del mercato locale. 

I rapporti FAO evidenziano che l’incremento demografico mondiale dei prossimi decenni farà aumentare la domanda di prodotti agricoli del 50% rispetto ai livelli attuali.

Da una parte, la scarsità delle terre e delle risorse idriche sta mettendo a rischio un gran numero di sistemi di produzione alimentare in tutto il mondo, costituendo una seria minaccia per la sicurezza alimentare; dall’altra, una gestione sostenibile dei suoli potrebbe aumentare la produzione di cibo fino al 58%.  La disponibilità di terra per l’esercizio dell’attività agricola assicura alla collettività produzione agricola di qualità, sicurezza alimentare, tutela ambientale, manutenzione del territorio e del paesaggio, protezione dal degrado e dal rischio idrogeologico. Qual è il punto? Nelle aree agricole, la legge consente l’ubicazione di impianti di produzione di energia elettrica alimentati a fonti rinnovabili ma solo in via eccezionale. L’eccezione però è diventata la regola generando uno sviluppo incontrollato di tali impianti. Il problema è serio e politici e amministratori, a tutti i livelli, sono chiamati a fare scelte lungimiranti e ragionare a lungo termine.

Nel mese di maggio 2019 è stata protocollata una nota della Coldiretti in cui si faceva riferimento alla necessità di prendere posizione su questo annoso problema; molti Comuni della nostra provincia hanno risposto manifestando la volontà di regolamentare e limitare nei terreni ad uso agricolo questo tipo di impianti.

Detto ciò, mi chiedo che fine abbia fatto la bozza di delibera di giunta preparata dal sottoscritto con l’ufficio competente a novembre 2019.

Vorrei sapere qual è la posizione dell’Amministrazione Gervasi riguardo questa emergenza. C’è la volontà politica da parte della maggioranza di scrivere un regolamento ad hoc sul problema degli impianti fotovoltaici a terra su terreno agricolo, sulle installazioni di impianti di Biogas o Biomasse all’interno del nostro Comune?

Ed infine, alla luce degli allagamenti avvenuti in questi giorni al nord, l’Amministrazione Gervasi si è attivata nel periodo estivo per monitorare la pulizia dei canali ed il cronoprogramma del Consorzio di Bonifica all’interno del nostro territorio?

Ho presentato formale interrogazione con richiesta di risposta scritta e spero che non venga ignorata come le precedenti, rendendo frustrante il lavoro di monitoraggio e collaborazione del sottoscritto che siede in minoranza.

La strategia di questa Amministrazione sembra proprio quella di lasciar cadere le sollecitazioni, rifiutare le verifiche e gli approfondimenti (come per la vicenda spiagge e app solo per dirne una). Quand’è che questo Sindaco e questa maggioranza dimostreranno con la loro strategia d’azione di essere minimamente utili alla città? Mi auguro vivamente, per tutti noi, che questi amministratori sappiano dare qualche prova di buona gestione del territorio, altrimenti allo scadere del mandato non resterà che la conta dei danni.

Guarda anche..

premio pavoncella

Sabaudia. Le “Magnifiche Dieci” del Premio Pavoncella piu’ forti del Covid

Si alza il sipario, sabato 19settembre, sulla nona edizione del Premio alla creatività femminile, nel …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi