pomezia

Ambiente, richieste due nuove aree protette nel territorio di Pomezia

Il Consiglio comunale di Pomezia ha approvato la richiesta di istituire due nuove aree protette. Si tratta di due monumenti naturali che proteggeranno importanti aree a valenza geologica, archeologica e naturalistica.

Uno di questi comprende due Geositi, già individuati dalla Regione Lazio: “Cava Tacconi e laghetti di Pratica di Mare”, mentre l’altro i residui di ecosistemi di macchia mediterranea presenti a Torvaianica: le “dune e bosco del Pigneto e bacini di Campo Selva”.


“Richiedere l’istituzione di queste due nuove aree protette – spiega l’Assessore Giovanni Mattias – ci consente di completare un sistema di tutela organico e dare una rappresentatività degli ecosistemi presenti nel nostro territorio, garantendo serbatoi di cenosi animali e vegetali per la maggior parte della biodiversità locale. Ricordiamo che sul nostro territorio è presente una sola area protetta, la Riserva Naturale Regionale “Sughereta di Pomezia”, che tutela un bosco a predominanza di sughere tra i più meridionali dell’intero Lazio”.


“Oggi inizia un percorso importante per Pomezia, che porterà ad avere quasi il 10% del territorio protetto da Parchi naturali – aggiunge il Sindaco Adriano Zuccalà – Un riconoscimento per le due future aree protette, quali monumenti naturali a tutela e valorizzazione della biodiversità costiera e della geodiversità di Pomezia e del Lazio centro-meridionale.

La nostra attenzione per il territorio è sempre massima – conclude in Sindaco –​ per questo puntiamo ad uno sviluppo integrato e sostenibile della Città, affiancato alla tutela e alla valorizzazione di nuove aree protette”.

Guarda anche...

sicurezza lavoro

Sicurezza sul lavoro: cgil, cisl e uil sottoscrivono i progetti inail

La Tecnologia per sconfiggere la piaga sociale degli infortuni e morti sul lavoro. Sottoscritti da …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.