milagro

Rassegna “Milagro” doppio appuntamento culturale a Latina

La rassegna “Milagro” propone un doppio appuntamento culturale a Latina
nell’Arena Cambellotti il 16 luglio alle ore 21 lo spettacolo “Cronaca
di un amore rubato” con Federica Martino preceduto alle ore 18.45
dall’incontro con Dacia Maraini presso Il Patio

Tornano il teatro e la letteratura con la rassegna Milagro che il giorno
16 luglio propone un nuovo interessante appuntamento: “Cronaca di un
amore rubato” di e con Federica di Martino da un racconto di Dacia
Maraini.

Lo spettacolo previsto inizialmente a Pontinia nell’ex Torre
Idrica si svolgerà invece nell’arena Cambelloti di Latina sempre alle
ore 21.00.

La pièce “Cronaca di un amore rubato” interpretata magistralmente da
Federica di Martino è tratta dal racconto “Cronaca di una violenza di
gruppo” scritto da Dacia Maraini. La scrittrice, tra le firme più
autorevoli del panorama letterario italiano, sarà protagonista sempre il
16 luglio alle ore 18.45 al Patio in Via Tito Speri a Latina
dell’appuntamento “Effetti Collaterali” dal titolo: “Dacia Maraini:
quando la letteratura diventa impegno civile” ; l’autrice dialogherà con
Claudio Volpe, giovane autore legato al nostro territorio, dove risiede
e candidato al premio Strega nel 2017.

L’incontro propedeutico allo
spettacolo, nasce con l’intento di ristabilire, in modo ravvicinato e
critico, la relazione tra pubblico e teatro. Un modo di partecipazione
attiva al teatro.

Federica di Martino protagonista dello spettacolo che si terrà dopo
l’incontro con la Maraini in merito a Cronaca di un amore rubato
sottolinea che:“La storia la vorremmo inventata, irreale mai accaduta,
invece recenti fatti di cronaca ci rammentano la sua schiacciante
veridicità e autenticità.

È la storia di uno stupro di gruppo da parte
di quattro adolescenti ai danni di una loro compagna di classe di
tredici anni. Stupro mai condannato. I colpevoli tutti assolti,malgrado
i testimoni,malgrado la vittima,sopravvissuta,abbia denunciato.

Dacia
Maraini ci racconta questa storia facendo parlare tutti i protagonisti:
i quattro ragazzi artefici dello stupro,la migliore amica della vittima
che assiste da lontano ai fatti muta e impotente,il padre della
ragazzina violentata,il prete che la soccorre sanguinante ma viva per
strada,il preside della scuola che tutti gli implicati nella vicenda
frequentano.

Ma la bambina no,la bambina la Maraini non la fa
parlare..la bambina vive nella storia solo attraverso le parole degli
altri.

Questo mi ha colpito e mi ha spinto a desiderare di mettere in
scena il racconto. Che vita può avere una ragazzina dopo aver subito uno
stupro a 13 anni? Forse nessuna. Forse la sua anima si ferma in quel
momento e in quel momento muore per sempre. In scena c’è una donna sola.
Un’ anima morta.

Una bambina diventata donna fra quattro
mura,raccontandosi sempre la stessa storia,per come gli altri l hanno
raccontata,per come la società l’ha digerita”.

Due appuntamenti da non perdere che evidenziano come la rassegna
“Milagro”, realizzata dal Comune di Latina, il Comune di Pontinia, la
Fondazione Roffredo Caetani, con la collaborazione ed il sostegno di
ATCL Circuito Multidisciplinare del Lazio, la Regione Lazio e il MiC –
Ministero della Cultura ponga attenzione alle tematiche sociali di
stretta attualità fornendo strumenti culturali per poter meglio
comprendere la realtà che ci circonda.

Lo staff di Milagro segnala che anche lo spettacolo” Django Reinhardt,
il fulmine a tre dita” inizialmente previsto per il prossimo 27 luglio
ore 21.00 nell’ex Torre Idrica si svolgerà invece nell’Arena Cambelloti
di Latina.

Per info – prevendite e programma Effetti Collaterali : www.milagro.link
392.540.7500 329.206.8078
Costo del biglietto per ogni singolo spettacolo: 10 euro

Guarda anche...

cori

Cori. “Molecole” festival di spettacolo dal vivo

Il Teatro Comunale Luigi Pistilli di Cori (LT) e MOBilitazioni artistiche presentano “MOLECOLE” festival di …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.