parco-e-la-commedia

Notti d’estate insieme Il Parco e la Commedia

Gli appuntamenti fino a sabato 31 della X edizione della rassegna promossa dalla Pro Loco Sabaudia curata da Umberto Cappadocia e Gennaro Di Leva
Notti d’estate insieme Il Parco e la Commedia

Loffarelli e “Le Colonne” raccontano il loro “Novecento” nella serata che assegna il premio Antonio Marone. Fuori programma con “Stanno in mezzo a noi!” del protagonista di “Made in Sud” Marco Capretti

Il racconto del Parco e la Commedia continua. Le prime serate della rassegna promossa dalla Pro Loco di Sabaudia, curata dal direttore artistico Umberto Cappadocia e dal presidente dell’Associazione Gennaro Di Leva, con i patrocini di Regione Lazio, Provincia di Latina, Città di Sabaudia, Parco Nazionale del Circeo, UILT- Unione italiana libero teatro e Consorzio Pro Loco Circe stanno superando le più rosee aspettative.

Il teatro a cielo aperto della cavea del Centro visitatori del Parco nazionale del Circeo non cessa di mostrare uno dei suoi volti più belli. Il pubblico continua a scegliere Il Parco e la Commedia, abbracciando dagli spalti gremiti, nonostante le distanze, le scene ma anche quel progetto che si rinnova ininterrottamente dal 2011.

Il teatro incontra – nuovamente – la natura e le preferenze di tutti coloro che, così numerosi nonostante i difficili tempi che continuano ad assediarci, danno valore alla scelta consolidata in queste dieci edizioni: quella del coinvolgimento e della partecipazione, cercando di veicolare anche le cose più serie e complesse tramite eventi che rimangono all’insegna della leggerezza.


Come in un’unica sequenza rincontriamo coloro che, in questi dieci anni, hanno reso grande questa manifestazione. E tra i più attesi ritorni ritroviamo chi della delicatezza e profondità ha fatto la sua chiave distintiva. Giovedì 29 luglio, come sempre alle 21, Giancarlo Loffarelli e l’ultra-quarantennale esperienza della compagnia teatrale “Le Colonne” presentano Novecento.

Dopo I lieder di Schumann, Andy e Normann e Rivistissima allestiti nelle scorse edizioni, la compagnia setina torna sul palco a cielo aperto del Parco e la Commedia confrontandosi con uno dei testi più famosi di Alessandro Baricco.

Attraverso il racconto della vita di Danny T. D. Lemon Novecento, il pianista nato e vissuto tutta la sua vita su un transatlantico ai primi del ‘900, sarà proposta un’affascinante, divertente e commovente riflessione sul modo in cui gli uomini scelgono di relazionarsi alle cose attraverso la gestione dei propri sentimenti: «I desideri stavano strappandomi l’anima – come nelle parole del protagonista – Potevo viverli, ma non ci sono riuscito.

Allora li ho incantati». Durante la serata sarà consegnato il secondo premio speciale così legato alla rassegna e che porta il nome di Antonio Marone.


Venerdì 30 la compagnia “Sere di Luci e Tu”, con la regia di Riccardo Bàrbera, si esibisce in Donne in cerca di guai. «Le donne – come nelle note di regia – hanno il grande dono di saper sopravvivere alle intemperie della vita con maggiore coraggio di quanto loro stesse siano capaci di credere».

Lo spettacolo è un inno alle donne, alla immane forza che ognuna, a suo modo, condensa. Sul palco sfila una parata di ritratti femminili, di ogni tipo ed epoca, fotografati nelle situazioni più varie, surreali o iperreali, ma sempre pronte all’autoironia e al gioco. I “quadri”, accompagnati da musiche dal vivo, saranno introdotti da un redivivo Casanova in disarmo ma perennemente innamorato.


E come sovente avviene nel teatro, a un cambio di scena si affianca anche un repentino cambio di programma: sabato 31 il palco del Parco e la Commedia avrebbe dovuto accogliere il ritorno della compagnia “Purpurin” che, cautelativamente in isolamento come questo difficile presente ci insegna, cede il passo a un vecchio amico della rassegna: Marco Capretti.

Nel 2017 ci aveva raccontato Come si riproducono i Puffi, in questa X edizione il comico romano ospite fisso del palcoscenico televisivo di “Made in Sud” torna con Stanno in mezzo a noi! Se la spontaneità e la simpatia sono le caratteristiche per scaldare e coccolare il pubblico, Marco ne possiede indubbiamente le chiavi.

Il suo spettacolo schietto e accomodante analizza vizi e virtù della nostra quotidianità. Le trovate geniali caratterizzano uno show unico ed estremamente divertente, si annullano le distanze tra artista e pubblico e l’atmosfera diviene familiare, una sorta di salotto dove Marco non è più il comico ma un amico che racconta le sue incredibili vicende, innestando uno spettacolo davvero unico e ogni volta differente.


Ogni appuntamento è come sempre a ingresso gratuito (fino a esaurimento dei posti contingentati nel rispetto della normativa anti-contagio) grazie all’imprescindibile sostegno economico di attività produttive che rinnovano il loro contributo e all’apporto degli Enti che con il loro appoggio consentono di portare in scena serate di teatro, dialogo e collaborazione, in uno dei luoghi più rappresentativamente “nostro” di questo territorio.

Guarda anche...

borgo vodice

Sabaudia. Impianti sportivi, firmate altre tre concessioni temporanee

Per la palestra di Borgo Vodice il Sindaco Gervasi ha ricevuto le associazioni richiedenti per …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.