Ospedale-Santa-Maria-Goretti

L’imbuto del pronto soccorso dell’ospedale Goretti di latina: cause e proposte

Da circa dieci anni il Pronto Soccorso dell’ospedale di Latina, ora inserito nel DEA di II livello, unico tra le province del Lazio, soffre per il sovraffollamento che si verifica specialmente durante il periodo estivo tanto che nel mese di agosto non è raro vedere sul sito della regione che, tra tutti i Pronto Soccorso del Lazio (Umberto I, Gemelli, San Giovanni, san Camillo, ecc.) talora è quello che ha più pazienti in attesa.

Una prima causa è senza dubbio rappresentata dalla chiusura degli ospedali di Cori, Sezze e Priverno che con i loro Pronto Soccorso smaltivano tutte le emergenze dei Monti Lepini. Conseguentemente il Consiglio regionale del Lazio avrebbe dovuto rivedere il piano provinciale del Sistema di emergenza sanitaria approvato con propria deliberazione dell’11 maggio 1994, n. 1004.

La chiusura notturna dei Punti di Assistenza Territoriale presenti negli ospedali chiusi, disposta a partire dal 5 ottobre 2020 ha aggravato la situazione facendo riversare molti pazienti su Latina per cui andrebbe ripristinato subito il servizio h24.

Ma la causa più grave è rappresentata dalla carenza di posti letto nella provincia di Latina che è inferiore al 3×1000 (standard previsto dal DM 70/2015) e che è ancora più grave nell’ospedale di Latina che oltre ad essere stato classificato DEA di II (dovendo quindi assicurare una vasta serie di servizi legati proprio all’emergenza sanitaria) ospita anche la Facoltà di medicina e chirurgia della Sapienza.

Molti spazi, un tempo occupati dai reparti di degenza sono stati destinati ad attività ambulatoriali od altro per cui da quanto riportato nella Relazione sulla gestione allegata al Bilancio di esercizio 2020 sarebbero solo 439 (anziché 524 come previsto dal Decreto del Commissario ad acta n. 257/2017).

Per cui a causa della carenza di posti letto di specialità i pazienti che arrivano al Pronto Soccorso sono costretti a lunghe attese, anche di molti giorni, prima di poter essere trasferiti nel reparto per ricevere cure appropriate alla patologia da cui sono affetti.

L’unica soluzione, in attesa della costruzione del Nuovo Ospedale di Latina, è quella di liberare tutti gli spazi un tempo destinati ai ricoveri trasferendo tutte le altre attività in altri locali, possibilmente nell’ambito dell’area ospedaliera.

Com.Stampa Franco Brugnola

Guarda anche...

vaccino

Vaccino Covid-19. Open Day dedicato a collaboratori familiari badanti e colf

Le badanti e le colf svolgono un lavoro prezioso nell’accudimento alle persone a noicare. A …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.