europa

Piano di ripresa dal Covid-19: il Parlamento europeo discute le lezioni apprese per le prossime crisi


Durante la conferenza si è discusso dello stato di avanzamento dei piani per la ripresa post Covid-19 e di come le lezioni apprese possano essere applicate all’Ucraina e ad altre crisi.

L’incontro tenutosi il 16 marzo ha avuto come obiettivo quello di trarre alcuni insegnamenti dalle prime fasi di attuazione del dispositivo per la ripresa e la resilienza, il meccanismo dell’UE per supportare gli investimenti e le riforme nei paesi membri, nonché per aiutare gli imprenditori e i lavoratori a superare la crisi del Covid-19.

I relatori, tra cui il Primo ministro portoghese António Costa e i membri del Parlamento europeo e dei parlamenti nazionali, hanno preso atto della nuova crisi che sta attraversando l’UE, con l’aumento dei prezzi e il massiccio afflusso di rifugiati, innescati dall’attacco russo all’Ucraina.

Allo stesso tempo, molti partecipanti hanno insistito sul fatto che il dispositivo per la ripresa e la resilienza e i conseguenti piani nazionali per la ripresa forniscono un buon quadro normativo per affrontare sfide come la riduzione della dipendenza energetica e l’attuazione delle riforme strutturali.

Gli europarlamentari esortano all’uso degli strumenti esistenti
Siegfried Mureșan (PPE, Romania), uno dei tre parlamentari co-relatori sull’implementazione dei piani per la ripresa, ha affermato che poiché la creazione di nuovi strumenti per il supporto dell’UE richiede tempo, gli strumenti già a disposizione, ovvero il bilancio UE 2021-2027 e i fondi per la ripresa per un totale di 1,8 miliardi di euro, dovrebbero essere impiegati subito per superare le sfide attuali .

Mureșan ha sottolineato inoltre l’importanza del lavoro svolto dal Parlamento nell’analisi dei piani per la ripresa: “Crediamo che l’Unione europea nei prossimi anni spenderà più soldi che mai, dobbiamo assicurarci che questo denaro raggiunga i beneficiari a cui è destinato”.

“I piani per la ripresa hanno rotto diversi tabù”, ha affermato la co-relatrice Eider Gardiazábal (S&D, Spagna), riferendosi all’emissione del debito comune e all’accordo sulle nuove fonti d’entrata per il bilancio dell’UE per consentire il pagamento del debito. “Nessuna crisi è uguale alle precedenti, pertanto le soluzioni devono essere diverse, ma gli strumenti sviluppati fin ora possono servirci”.

Dragoş Pîslaru (Renew Europe, Romania) ha definito il dispositivo per la ripresa e la resilienza “l’incarnazione di una meravigliosa risposta di solidarietà nata in uno dei momenti più bui mai affrontati dai cittadini dell’UE”.

Il dispositivo mette a disposizione degli Stati membri fino a €335 miliardi in sovvenzioni e fino a €385,8 miliardi in prestiti. Al momento, la maggior parte dei paesi non ha previsto di prendere prestiti. Pîslaru, uno dei co-relatori, ha proposto di riassegnare i prestiti non utilizzati “per le nuove urgenti priorità causate dall’aggressione della Russia”.

Céline Gauer, capo della task force della Commissione europea per la ripresa e la resilienza, ha sottolineato “l’attuazione estremamente rapida” del piano UE per la ripresa e ha affermato che entro la fine di aprile verranno distribuiti €100 miliardi. Inoltre, ha affermato che la forte attenzione “verde” nei piani nazionali sull’efficienza energetica, le rinnovabili, l’idrogeno e il rafforzamento delle reti energetiche, dovrebbe consentire una diversificazione che si allontani dai combustibili fossili russi.

Solidarietà e unità: le vie da percorrere

Il Primo ministro Costa ha elogiato il ruolo del SURE, lo strumento temporaneo dell’UE a sostegno dell’occupazione durante la pandemia, chiedendo l’attuazione permanente di uno strumento simile.

Inoltre, ha citato i semiconduttori, la salute, il digitale, l’alimentazione e l’agricoltura come aree chiave che richiedono investimenti congiunti. Secondo il premier Costa, la solidarietà e la collaborazione hanno aiutato l’UE ad affrontare la crisi sanitaria. “Questo è il modo in cui dobbiamo far fronte alla guerra che è alle nostre porte”, ha affermato infine.

Settimana parlamentare europea

La conferenza si è svolta nell’ambito della Settimana parlamentare europea, organizzata dal Parlamento europeo, l’Assemblea Nazionale e il Senato francese, che ha riunito rappresentanti del Parlamento europeo e dei parlamenti nazionali.

I partecipanti hanno discusso delle sfide legate al coordinamento di politiche economiche e sociali dell’UE nel quadro del Semestre europeo.

Il dispositivo per la ripresa e la resilienza
Il dispositivo per la ripresa e la resilienza da €723.8 miliardi è lo strumento chiave del piano di ripresa dell’UE. Viene finanziato attraverso il debito che la Commissione europea contrae sui mercati internazionali.

I fondi vengono destinati ai paesi UE, i quali redigono dei piani di ripresa nazionali proponendo progetti di investimento e riforme in sei aree: transizione verde, trasformazione digitale, crescita intelligente, sostenibile e inclusiva, coesione sociale e territoriale, resilienza e preparazione alle crisi, politiche per le future generazioni.

Dopo l’approvazione dei loro piani da parte del Consiglio, gli Stati membri possono ricevere fino al 13% dell’importo totale in pre-finanziamenti. Il resto verrà pagato solo dopo che gli obiettivi concordati saranno raggiunti.

Nel mese di marzo 2022, 22 paesi UE hanno ricevuto l’approvazione dei loro piani e due (Spagna e Francia) hanno ricevuto i primi pagamenti per i traguardi raggiunti.

Il Parlamento europeo ha istituito un gruppo di lavoro per controllare l’attuazione dei piani di ripresa. Gli europarlamentari convocano riunioni frequenti con i rappresentanti della Commissione per valutare i progressi, mentre le commissioni per gli affari economici e il bilancio tengono discussioni pubbliche con i commissari Valdis Dombrovskis e Paolo Gentiloni.

Fonte News Europee


Guarda anche...

Nicola Procaccini

Le parole di Procaccini (FDI) sul Consiglio Europeo

“Le posizioni espresse dal presidente Meloni al Consiglio europeo inviano un segnale chiaro all’Europa: la …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *