Home | IN News | In Attualità | Roma: doppi tornelli sulla metro per combattere i portoghesi

Roma: doppi tornelli sulla metro per combattere i portoghesi

Doppi tornelli, in entrata e in uscita sulla metro, per combattere i portoghesi. E poi uno spot tv. Ecco come Roma si appresta a combattere l’evasione del ticket su metro e bus. “Non farti riconoscere, paga il biglietto”, dice il controllore Francesco Pannofino all’aspirante ‘portoghese’ che preferirebbe viaggiare a sbafo sull’autobus. L’attore e doppiatore è il protagonista della campagna di comunicazione contro l’evasione del ticket sui mezzi pubblici a Roma, presentata stamani dalla sindaca Virginia Raggi assieme all’amministratore unico di Atac – azienda capitolina trasporti -, Manuel Fantasia. Nel 2016 il numero di violazioni accertate, raccontano i dati resi noti, è aumentato del 26%. Anche per questo, questa la maggior novità, Roma si avvarrà da fine 2017-inizio 2018 dei doppi tornelli nella metropolitana, in entrata e in uscita.

“Dobbiamo riuscire a portare Roma alla normalità – ha scritto Raggi su Facebook -E pagare il biglietto dell’autobus è una cosa normale. Come pagare il caffè al bar o il biglietto del cinema. Noi ce la stiamo mettendo tutta ma serve l’aiuto di tutti i cittadini”. L’amministrazione M5S tenta l’offensiva contro un fenomeno da tempo ormai patologico nella capitale. Negli ultimi anni l’evasione sul biglietto è stata calcolata intorno al 25%, ma potrebbe in realtà essere molto più alta, fino al doppio. Cinque volte superiore a quella che si registra a Milano, quindi, dove è in media del 10%. Una enorme perdita finanziaria per un’azienda già parecchio indebitata come Atac. “A partire dalla linea C passeremo al modello della doppia timbratura, sia in entrata sia in uscita”, ha annunciato Fantasia in conferenza stampa. Accadrà a fine anno o a inizio 2018. “Poi arriverà anche sulle altre linee”, dice il presidente M5S della Commissione Trasporti del Comune Enrico Stefàno. Alla presentazione della campagna comunicazione anche Pannofino e l’assessore ai Trasporti Linda Meleo.

Nel 2016 sono state controllate oltre 111 mila vetture con una media di 5 sanzioni al giorno per ciascun controllore, quasi 126 mila in tutto. Oltre 2,1 milioni i passeggeri controllati. Sempre l’anno scorso c’è stato un aumento del 26% di violazioni accertate, e quindi di sanzioni, rispetto al 2015, e del 72% rispetto al 2014. Nel primo bimestre 2017 sono aumentati del 14% i passeggeri controllati rispetto allo stesso periodo del 2016. “Ciò ha consentito anche di migliorare la produttività media – spiegano dall’Atac -: nei primi due mesi del 2017, infatti, nelle tratte dove si è concentrata la verifica, a seguito della riorganizzazione del servizio, il numero medio di sanzioni si è attestato a 8 multe per agente a fronte delle 5 del 2016”. Per contrastare l’evasione del biglietto è stata poi attivata una task force di 310 agenti di polizia amministrativa: di questi 170 sono verificatori a tempo pieno, ai quali da inizio 2017 si sono aggiunti 60 ispettori del servizio di superficie e 90 fra quadri e dirigenti, per un totale di 150 persone che hanno dato disponibilità a eseguire turni di controllo.

Newsletter

Guarda anche..

L’Orchestra Italiana del Cinema ritorna ad esibirsi nella prestigiosa cornice dell’Aula Paolo VI

L’Orchestra Italiana del Cinema ritorna ad esibirsi nella prestigiosa cornice dell’Aula Paolo VI per accompagnare …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per facilitare la navigazione e per mostrarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner o continuando la navigazione (page scroll) acconsenti al loro uso. Per informazioni e per negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

Chiudi