fontana-dei-giardini-di-viale-Tiziano

Roma. Restaurata da équipe italo-olandese la fontana dei giardini di viale Tiziano


Con l’inaugurazione della restaurata fontana dei giardini di viale Tiziano si conclude l’omaggio riparatore dei mecenati olandesi a Roma, a compensazione dei danni inferti alla Barcaccia di piazza di Spagna dagli hooligans del Feyenoord a febbraio 2015. I cantieri sono partiti a marzo di quest’anno, a inizio giugno è tornata a far bella mostra di sé la fontana delle Api , ora si sono conclusi i lavori sulla fontana anni ’30 dei giardini di viale Tiziano. Un restauro di grande complessità, condotto anche in questo caso da un’équipe “transnazionale” composta da tecnici italiani e olandesi.

I mecenati sono gli stessi della berniniana Fontana delle Api: le società Koninklijke Woudenberg – Meesters In – Janssen de Jong Groep. Si sono aggiunti poi i fondi ricevuti da un gruppo di imprenditori di Rotterdam e l’associazione Salviamo la Barcaccia (che ha raccolto fondi da privati e persone giuridiche, compresa la stessa città di Rotterdam). Il ripristino delle due fontane, costato circa centomila euro, è stato eseguito dalla ditta Meesters In (controllata Koninklijke Woudenberg) con l’italiana CBC Conservazione Beni Culturali, sotto la direzione della Sovrintendenza capitolina. Un’opera a quattro mani che ha costituito, afferma il Campidoglio, “l’occasione per un proficuo e innovativo scambio di competenze tecnico-scientifiche”.

Complesso e articolato, come si diceva, il restauro della fontana risalente al 1930-’33 e danneggiata nel 2015 dalla caduta di un pino. Lo smontaggio iniziale ha comportato l’esecuzione di cinque delicati tagli per separare le parti da restaurare. Poi le due aziende hanno lavorato ognuna nella propria sede: Meesters In a Utrecht ha ricostruito le parti non riparabili, CBC a Roma ha restaurato i pezzi originali liberandoli da grosse incrostazioni calcaree. Per rifare le parti mancanti sono state impiegate tecnologie all’avanguardia e l’intero lavoro, nelle sue diverse fasi, ha richiesto l’impiego di numerose figure professionali. Risistemata l’area di rispetto (pavimentazione, panchine, bordi), rimossi resti e radici del pino caduto, ricostruito infine l’impianto idrico… la fontana è stata riassemblata sul posto unendo porzioni originali e rifatte.

Durante l’inaugurazione la comunità olandese ha regalato fiori nei colori di Roma e rose rosse, in segno di amicizia per l’Urbe e i suoi cittadini. A scegliere il nuovo nome della fontana, ha preannunciato il vicesindaco Luca Bergamo, saranno i ragazzi delle scuole del territorio.

Newsletter

[wysija_form id=”1″]

Guarda anche...

lago ex snia roma

Roma, Caliste – Annucci: Bene approvazione mozione capitolina sul Monumento naturale Lago Ex Snia

Mauro Caliste “Oggi l’Assemblea Capitolina ha approvato una mozione sul Monumento naturale Lago Ex-Snia, che ribadisce …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.