Roma. Galleria Borghese: grandi riscontri di pubblico e duplicazione degli incassi

A un anno e mezzo dall’applicazione della riforma Franceschini con la quale si è configurato il nuovo status giuridico della Galleria Borghese quale museo autonomo, sono emersi due dati rilevanti.

Il primo è che si è registrato un incremento di visitatori pari al 6,32%, nonostante il Museo preveda degli ingressi contingentati per ragioni di sicurezza delle persone e delle opere.
Questo incremento è attribuibile alla modulazione della tariffa d’accesso tutti i mercoledì nella fascia oraria dalle 17.00 alle 19.00, all’utilizzo dei biglietti last minute (biglietti venduti senza costo di prenotazione e resi possibili dalla messa a regime del sistema contapersone digitale che la Galleria Borghese sta introducendo in via sperimentale e che permette il conteggio preciso del numero dei visitatori all’interno del Museo), alla novità di riservare ai gruppi scolastici la giornata di lunedì, giorno di chiusura del Museo, e quella di organizzare delle aperture straordinarie.

Secondo vistoso elemento è che gli introiti della Galleria sono stati quasi il doppio dell’anno precedente: si è registrato un aumento pari all’88,33%. Questo anche grazie agli incassi della visitatissima mostra: L’Origine della Natura Morta. Caravaggio e il Maestro di Hartford.

Al fine di garantire un costante miglioramento dell’efficacia dell’offerta e dei servizi al visitatore, la Galleria Borghese ha elaborato e distribuito ai visitatori un questionario di gradimento con l’obiettivo di ottenere informazioni sui target effettivi del Museo e di ricevere un feedback sull’esperienza di visita fatta e sui servizi fruiti.

Newsletter

Guarda anche...

magnesi

Mondiale IBO, a Zagarolo la difesa mondiale di Magnesi

Diretta tv su Rai 2 il 23 aprile, per il match contro il sudafricano Khanyle …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.