Sport latina

Opes Latina propone defibrillatori nelle scuole


Chiarato e Barbini: “Regolamentare la presenza di defibrillatori in tutte le strutture sportive indoor degli Istituti scolastici superiori della provincia”.

Il mondo sportivo è strettamente connesso ad esigenze che non possono venir meno nella quotidianità dell’individuo. Una di queste è la salute di chi con il proprio fisico muove passione, divertimento o un vero e proprio lavoro.

Da sempre Opes è al fianco degli sportivi, ma con un occhio attento a tutta la cittadinanza. Ed è proprio per tali motivi che il Comitato Provinciale di Latina vuole spostare l’attenzione su un tema caldo che incentiva l’uso del defibrillatore (DAE), un piccolo dispositivo computerizzato salvavita, in grado di ripristinare il normale battito del cuore in una persona colpita da arresto cardiaco improvviso.

In tutto il Paese sono diversi i decessi all’anno per infarti mentre si pratica attività sportiva. A volte si tratta di giovanissimi atleti, per lo più di sesso maschile. Il numero di infarti senza decesso è molto più alto, a volte con gravi conseguenze perduranti nel tempo.

La presenza di defibrillatori nei luoghi aperti della città è certamente un fatto positivo che deve essere strutturato stimolando i cittadini, attraverso le associazioni ed i comitati di quartiere presenti ed attivi nelle strette vicinanze dove sono allocati tali dispositivi. Altrimenti sarebbero inutili macchinari, non mantenuti in uso, non utilizzabili da alcuno ed in stato di abbandono.

“Quello che proponiamo – commenta Andrea Chiarato Dirigente Provinciale Opes – è di realizzare uno schema virtuoso nelle palestre degli Istituti Scolastici Superiori. L’obiettivo è quello di regolamentare la presenza di defibrillatori in tutte le strutture sportive indoor degli Istituti della città e della provincia e di formare al loro uso e manutenzione chi queste strutture le gestisce e chi le utilizza. Abbiamo il dovere – conclude – di salvaguardare la vita dei nostri giovani studenti ed abbiamo il dovere di garantire loro la massima sicurezza e qualità di servizio mentre svolgono le loro formazioni scolastiche, tra cui lo sport che è il momento di maggior rischio”.

Quindi si parla di non sola presenza, che in qualche caso è già in atto, ma di un regolamento condiviso che garantisca l’efficienza e l’efficacia dei defibrillatori negli impianti sportivi indoor delle scuole superiori. Questo percorso di messa in sicurezza si può ottenere coinvolgendo la Provincia, le Amministrazioni Comunali, le ASL ed il Provveditorato.

“Il nostro è un territorio che vanta molti praticanti e grandi risultati in tante discipline, le più disparate – commenta Enrico Barbini Dirigente Provinciale Opes – Calcio, basket, pallavolo, judo, ciclismo, nuoto, tennis, canottaggio, atletica leggera e pesante, attività di palestra agonistica e dilettante. Il tutto è frutto di passioni sportive che spesso nascono nelle palestre scolastiche. L’offerta e l’accesso all’attività sportiva in generale deve essere di prima qualità e deve poter usufruire di misure a salvaguardia della salute dell’individuo”.

Considerato che il tempo di intervento utile in caso di tali condizioni critiche è di pochissimi minuti, appare evidente dunque, che la presenza di defibrillatori sia indispensabile all’interno delle palestre. Infondere la cultura della sicurezza nei nostri giovani studenti è un tratto necessario di una società evoluta e civile.


Guarda anche...

Calcio a 5 F.C. Sabaudia

La squadra di calcio a 5 F.C. Sabaudia è ormai una realtà consolidata

Attualmente partecipa al torneo amatoriale della OPES Italia con la quale condivide il principio fondamentale …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.