Racconti di Sabaudia
Christian Vitali, Annalisa Muzio e Alberto Mosca

Premiazione Contest Fotografico «I Racconti di Sabaudia»


Sabato 25 Novembre si è tenuto, presso l’Hotel “Le Palme” di Sabaudia, l’incontro de “I Racconti di Sabaudia” durante il quale si é parlato di Latina Candidata Capitale Italiana della Cultura 2026, e poi proceduto con la Premiazione del Contest Fotografico. Nell’incontro è stato evidenziato – dal Sindaco di Sabaudia Alberto Mosca, dall’Assessore all’Urbanistica di Latina Annalisa Muzio e della coordinatrice del progetto, l’Arch. Daniela Cavallo – come nella sua candidatura, Latina abbia posto l’ambiente e il paesaggio con la terra e i suoi prodotti al centro del suo pensiero, la memoria rurale e contadina come un’eredità culturale, una storia passata da preservare perché continui ad essere nel futuro una narrazione continua per il territorio.


“La valorizzazione di un territorio – ha specificato l’Assessore Muzio – deve essere identitaria, frutto di una attenta analisi e di confronto con il territorio stesso, per poter contribuire anche ad una innovazione urbana”. “Latina avrebbe potuto essere una delle città invisibili raccontate da Italo Calvino – ha proseguito l’Arch. Cavallo – città nate dall’immaginazione come realizzazione di un desiderio. E Latina, con questa sua candidatura, sta ricercando quella sua giusta lucentezza non ancora completamente espressa che, come per l’arte, riesce a rendere visibile l’invisibile”.


Per quanto riguarda il contest, il podio: al primo posto proprio Sabaudia con uno scatto di due cani che corrono sulla spiaggia con lo sfondo del monte Circeo firmato da Massimo Furlan, al secondo posto Latina con Flavio Ferron e i suoi fenicotteri in volo, al terzo Terracina con Giuseppe Camastro e un tramonto tra le dune. Assegnato anche il Premio Enel vinto sempre da Massimo Furlan con una suggestiva fotografia illuminata dal chiarore rosato delle prime luci dell’alba. Il Premio Regione Lazio è andato a Francesca Zito e al suo paesaggio riflesso sulle acque del lago di Paola. Il Premio Venus per l’ambiente a Vincenzo Bamundo con Villa Volpi stagliata nel cielo, mentre il “Premio Èmore”, giunto alla sua seconda edizione, dedicato alla memoria dello storico fotografo di Sabaudia Alfredo Vitali (1939-2022), è stato assegnato a Ciro Faraldo per una spettacolare alba a ventaglio sulla spiaggia di Sabaudia.

A premiare il figlio di Alfredo, Cristian Vitali, Maresciallo della Guardia di Finanza e scrittore: «A nome della mia famiglia, ringrazio ancora una volta Maria Costici, unica a voler ricordare in maniera tangibile l’importante figura di mio padre dopo la sua scomparsa. Nel mio intervento, ricollegandomi alle parole pronunciate in occasione della valorizzazione del passato di Latina, ho voluto ribadire l’importanza del ricordo e di come la memoria del passato sia importante anche in chiave futura. Prima dei Cecchi Gori, dei Totti e degli altri personaggi famosi che frequentano da anni le spiagge di Sabaudia, mio padre, tra gli anni sessanta e settanta, ha fotografato personaggi del passato come Giò Staiano, Ingrid Bergman, Franco Franchi e Ciccio Ingrassia, all’epoca affascinati dal nostro mare, che tanto ha dato al cinema italiano. Ci ha messo del suo anche il Sindaco di Sabaudia, il quale ha ricordato che proprio mio padre ha curato il servizio fotografico del suo Matrimonio, a testimonianza di quanto fosse conosciuto ed apprezzato in quello che era all’epoca una vera e propria attività di artigiano. Ed é sempre una grande emozione vedere gli occhi lucidi di Mamma Fernanda: nessuno potrà ridarle il suo compagno di vita, ma almeno in queste occasioni é come se tornasse vivo tra noi».

Comunicato Stampa: Vitali Christian


Guarda anche...

parcheggio ros

Sabaudia. Approvato il Regolamento che disciplina il rilascio e l’utilizzo del “Permesso Rosa”

Il Consiglio Comunale, riunitosi martedì scorso, ha approvato all’unanimità, il Regolamento per i Parcheggi Rosa, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *