Home | IN News | Intervista al regista Davide Nebbia per “Next Fall” in scena al Teatro Trastevere di Roma

Intervista al regista Davide Nebbia per “Next Fall” in scena al Teatro Trastevere di Roma

Dal 19 al 24 marzo al Teatro Trastevere di Roma andrà in scena “Next Fall”, scritto da Geoffrey Nauffts, diretto da Davide Nebbia con Federico Borroni, Elena Giambi Bonacci, Antonia Di Francesco, Marcello Paesano, Tommaso Paolucci, Alessandro Moser.

Next Fall è un testo del 2009 scritto da Geoffrey Nauffts. Prodotto da Naked Angels ha debuttato off-Broadway nel 2009 per poi trasferirsi all’Helen Hayes Theater a Broadway nel Febbraio del 2010. Next Fall ha ricevuto nomination come miglior opera teatrale ai Drama Desk Awards, Tony Awards e Outer Critics Circle Awards.

La vicenda ruota intorno a due uomini impegnati in una relazione, Luke devotamente cattolico e Adam, felicemente ateo. Una storia lunga cinque anni e che dura nonostante le difficoltà. Tuttavia, quando un incidente cambia tutto, Adam in cerca di supporto e risposte, deve rivolgersi alla famiglia di Luke. Luke crede in Dio. Adam crede in tutto il resto. “Next Fall” ritrae gli alti e bassi di questo rapporto di coppia con umorismo tagliente e inflessibile onestà, ponendo domande difficili circa l’impegno, l’amore e la fede.

In Italia lo spettacolo non è mai stato rappresentato se non in occasione di uno show-case realizzato nel 2013 da questa stessa compagnia in una serata unica al Teatro Don Mario Torregrossa di Roma .

Il progetto di portare in Italia Next Fall nasce nel 2013, dopo che Davide Nebbia vede a New York la pièce e se ne innamora. Chiama tutti attori che, nel corso degli anni, oltre che per motivi professionali, aveva incontrato umanamente, proponendogli la sfida di portare sulle scene un grande testo inusuale per il nostro teatro.

“Un testo, uno spettacolo che ha lasciato il segno in chiunque vi abbia partecipato e che, forse per l’argomento un po’ scomodo, forse perché non è soltanto una commedia commerciale, non ha avuto il seguito che meritava. Ora, nonostante siano passati 5 anni, la necessità di dargli voce sui palcoscenici è inarrestabile. Da qui l’ idea di riprenderlo, autoprodotto, perchè crediamo fortemente che proprio nel teatro debbano convergere tutte le forme d’arte, attraverso le quali è possibile imparare a conoscere sensibilmente l’altro e riflettere in modo più libero su noi stessi.”

Uno spettacolo che riflette sul contemporaneo, che parla di piccole quotidianità simbolo del nostro tempo che nel loro particolare ci suggeriscono l’universale.

L’obiettivo in questo senso è stimolare la riflessione nel pubblico che, a confronto con storie quotidiane, semplici e oneste, riesca a sentirsi indotto liberamente a creare un personale punto di vista su temi etici e sociali molto dibattuti.

      Intervista al regista Davide Nebbia

Newsletter

Guarda anche..

Teatro Trastevere

Torna a Roma PLAY, Il Festival delle Scuole di Teatro di Roma – Laboratori in scena

L’Associazione Culturale Teatro Trastevere dopo il successo della scorsa stagione è lieta di annunciare la …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *