Nicola Procaccini

Procaccini si appella a Mattarella sulla questione dei migranti

“Il presidente Mattarella chieda subito al presidente Macron di prendersi i migranti illegali trasportati dalla nave francese SOS Mediterranee, ferma a sud della Sicilia in acque internazionali. Sono 572 persone, tra cui molti minori, che la nave ONG battente bandiera francese pretende di far sbarcare, come al solito, in Italia. E questo malgrado il porto di Marsiglia sia a poche ore di navigazione”.

E’ quanto dichiara l’europarlamentare di FDI-ECR, Nicola Procaccini, coordinatore ECR in Commissione Affari Interni e Immigrazione al Parlamento UE, che aggiunge:

“Anche ieri nell’incontro ufficiale tra i presidenti Mattarella e Macron è andata in scena la solita ipocrisia che racconta di come le ONG di mezza Europa, particolarmente di Francia, Germania e Olanda, conducano una battaglia politica scaricando il peso dell’immigrazione di massa sull’Italia, ridotta a un gigantesco campo profughi e lasciata ancora una volta sola, tra l’altro, nel pieno della stagione turistica ed ancora alle prese con l’emergenza sanitaria.

Tutto questo viene reso possibile sia dall’ignavia delle autorità italiane, che dalla complicità e dal cinismo delle autorità europee, che nei giorni scorsi hanno ancora una volta evitato di adottare ogni decisione concreta ed efficace sulle politiche migratorie, limitandosi a elargire nuove prebende alla Turchia del sultano Erdogan per continuare ad appaltargli la gestione dei flussi migratori.

Per una volta il Presidente della Repubblica italiana rappresenti la comprensibile irritazione dei propri connazionali. Siamo stanchi di questa presa in giro che va avanti da anni”.

Guarda anche...

canottaggio

Canottaggio – Tokyo 2020. L’Italia in gara in tre finali olimpiche

Passato l’allarme-tifone a Tokyo, domani l’Italia del canottaggio torna in gara ai Giochi Olimpici con …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.