roccagorga

Roccagorga. Evitato tracollo finanziario del Comune

Si è svolto il 19 novembre scorso il consiglio comunale di Roccagorga, con all’ordine del giorno, oltre ad alcune variazioni di bilancio, due punti salienti quali l’approvazione del rendiconto 2019 dell’Azienda Speciale Vola, ente strumentale del Comune di Roccagorga, e il piano di riequilibrio finanziario pluriennale dovuto ad alcune criticità emerse dalla delibera 46/2021 della Sezione Regionale di Controllo della Corte dei Conti.

In particolare, le criticità riguardavano un’anomalia nel riaccertamento straordinario dei residui al 1 gennaio 2015, annosi contenziosi legali nonché una perdita di esercizio dell’Azienda Speciale Vola pari a 1.342.170,00 imputata nel rendiconto 2019 ma risalente ai precedenti 10 anni di gestione.

Nello specifico, la ricognizione debitoria dell’azienda speciale ha richiesto all’attuale amministrazione un lungo lavoro stante innumerevoli situazioni controverse che si sono susseguite a partire dal pignoramento dei conti correnti bancari dell’azienda, avvenuto nel dicembre 2019 a causa di un mancato pagamento, o rateizzazione, da parte della precedente amministrazione, di una cartella dell’agenzia delle entrate derivante da mancati versamenti pregressi di tributi, tra cui contributi spettanti ai lavoratori.

Singolare la posizione dell’opposizione che, in sede di Consiglio Comunale, ha sostenuto l’improbabile tesi che tale perdita fosse stata “costruita ad arte” da questa Amministrazione: peccato per loro però che in aula la maggioranza abbia prodotto tutte le copie delle ricevute che risultavano regolarmente saldate da tempo all’azienda e che invece venivano negli anni riportate sempre a credito nei bilanci.

Forse si trattava di sviste, di distrazioni? Di fatto l’attuale amministrazione ha lavorato ad un’operazione verità, invertendo l’azione amministrativa al fine di riportare chiarezza e trasparenza nei conti dell’Azienda Speciale, tutelando la comunità da tracolli ben più gravi qualora la gestione avesse continuato a percorre la strada intrapresa negli anni precedenti.

Anche l’adesione al piano di riequilibrio finanziario pluriennale ha seguito un percorso il più possibile virtuoso, si è optato infatti di non ricorrere al Fondo di Rotazione, che avrebbe generato un ulteriore indebitamento per l’Ente, ma di lavorare sull’ottimizzazione delle risorse attraverso la razionalizzazione delle spese comunali, un minimo adeguamento tributario, il potenziamento del contrasto all’evasione tributaria e miglioramento della attività di riscossione, l’adozione di un regolamento per l’applicazione dell’Isee ai servizi a domanda individuale introducendo così anche un sistema di equità fiscale mai adottato in precedenza in quanto, finora, le tariffe dei servizi a domanda individuale erano sempre state uguali per tutti.

“Ringrazio tutta l’amministrazione comunale e gli uffici preposti che hanno lavorato per lungo tempo al fine di trovare la soluzione ottimale per ammortizzare la situazione debitoria emersa cercando di impattare meno possibile sulla popolazione – dichiara il sindaco, Annunziata Piccaro – Anche questo ulteriore passo è un segno evidente di buona amministrazione in netto contrasto con la gestione precedente della macchina comunale e con l’obiettivo di tutelare gli interessi dei cittadini e rispondere, nella maniera migliore, alle loro esigenze”.

Guarda anche...

sabaudia

Sabaudia, nasce lo Sportello Autismo per il supporto alle famiglie del territorio

Il Comune di Sabaudia e l’Associazione Latinautismo A.p.s rafforzano il loro sodalizio e danno vita …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.