comune sabaudia

Sabaudia. Asili nido, approvato il nuovo regolamento


Il Consiglio Comunale di Sabaudia nel corso della seduta straordinaria di ieri, ha approvato all’unanimità il nuovo regolamento per i servizi di asilo nido.

Pia Schintu
Pia Schintu

“La novità per i cittadini di Sabaudia – spiega l’assessore Pia Schintu – è quella di una sostanziale riduzione delle rette pagate dalle famiglie fino allo scorso anno scolastico. Infatti, aggiornando il regolamento Comunale alle disposizioni della Legge Regionale numero 7 del 2020 e del Regolamento Regionale 12 dello scorso anno, i parametri delle rette passano, a titolo di esempio, da un contributo a carico delle famiglie di 141 euro e 50 per la fascia ISEE da zero a 6.531euro, ad un contributo di zero per la fascia ISEE da zero a cinquemila euro e da un contributo di 171 euro per la fascia da 6.531 a 8.901 euro ad un contributo di 50 euro, per la fascia da 5mila a 10 mila euro e così via discorrendo”.

“Sono inoltre stati recepiti alcuni emendamenti proposti dai Consiglieri di minoranza – conclude l’assessore Schintu – che hanno riguardato un ulteriore abbassamento percentuale delle tariffe relative al numero dei figli iscritti al servizio. Non solo. Anche la possibilità per i migranti di presentare la documentazione secondo i tempi di rilascio delle autorità competenti, la garanzia di usufruire del servizio, nei limiti dei posti disponibili, per i lavoratori soggetti a trasferimento, la vigilanza del rispetto dei contratti per la categoria di questi lavoratori”.

I servizi educativi per l’infanzia rappresentano per l’Amministrazione Mosca, un’offerta che deve essere qualificata e diversificata tenendo in considerazione la situazione economica della famiglia, la centralità del progetto educativo, la riduzione degli svantaggi culturali e il sostegno alla primaria funzione educativa della famiglia.

ascolta la seduta consigliare del 28 settembre


Guarda anche...

sabaudia

Botteghe e attività storiche, partecipare all’avviso per ricevere il logo di garanzia

Botteghe e attività storiche, iniziativa della Regione che passa per i Comuni. I titolari delle …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.