Dacia Maraini Alberto Mosca
Dacia Maraini e Alberto Mosca

Cittadinanza onoraria a Dacia Maraini: “La ricevo come segno di unità”


“Scrittrice, sceneggiatrice, poetessa e saggista dalle straordinarie doti umane, morali e intellettuali, particolarmente apprezzate dai più qualificati ambienti culturali e letterali, italiani ed esteri, ha notevolmente contribuito ad accrescere il livello etico e sociale, nonché l’immagine di Sabaudia, mediante saggi e narrative ispirate dall’ambiente della Città delle dune”.

Questa la motivazione che ha spinto il Consiglio comunale, in seduta straordinaria, a votare all’unanimità per il conferimento della cittadinanza onoraria a Dacia Maraini.

“Ringrazio tutti i presenti – ha chiosato il Sindaco nel corso dell’Assise straordinaria di questa mattina – e in particolare la dottoressa Maraini che, senza alcuna esitazione, ha voluto raccogliere il nostro invito che promana da una decisione unanime adottata dai Gruppi consiliari di Sabaudia, senza alcun tipo di distinzione. Tutti hanno condiviso l’opportunità e la sensibilità di riconoscerle questo importante merito che credo sia innegabile. A Dacia Maraini – ha aggiunto il Primo cittadino – va riconosciuto un grande merito, quello di avere avuto da sempre, una grande affezione, oltre che per Sabaudia, per l’ambiente naturale della nostra Città, in particolare per le dune. È proprio sulle dune che Dacia Maraini, come lo stesso Moravia e Pasolini, ha avuto dei momenti di ‘ispirazione’ necessari per poter poi concepire testi letterari, di grande pregio. Opere – ha concluso Mosca – riconosciute non solo a livello nazionale ma anche e soprattutto a livello internazionale”.

“Sono veramente commossa e ringrazio tutti – ha commentato la scrittrice Maraini dopo avere ricevuto la cittadinanza onoraria -. Nel mio cuore c’è questa piccola Città, esempio di bellezza perché costruita anche con la presenza del verde. È con grande piacere che ricevo questa cittadinanza perché ribadisce l’importanza delle Istituzioni. Credo profondamente nelle Istituzioni – ha aggiunto Dacia Maraini – perché sono una democratica e credo che la democrazia si basi proprio sulle Istituzioni. Sono convinta che in un momento delicato e di crisi, come quello che stiamo vivendo, sia indispensabile essere uniti. Non dividersi. Capire che c’è un interesse che riguarda tutti. Mettersi a fare la guerra tra di noi è qualcosa di molto pericoloso e sbagliatissimo. Si raggiungono obiettivi quando si prende a cuore l’interesse comune. Ringrazio tutti per questa cittadinanza e la ricevo come segno di unità, proprio perché è stata votata dall’intero Consiglio. Sabaudia – ha concluso – è stata un centro di ispirazione per molti intellettuali che, purtroppo, se ne sono andati. La speranza è che nella nuova generazione ci siano giovani talenti che la Città sia capace di riconoscere e riportare a vivere questo ambiente meraviglioso”.

Dopo la chiusura dell’Assise, Dacia Maraini si è intrattenuta con gli studenti di Sabaudia presenti, affrontando argomenti riguardanti il mondo della scuola e raccontando loro l’esperienza avuta da bambina quando, insieme alla sua famiglia, era prigioniera in un campo di concentramento in Giappone. Un lager dove non si veniva uccisi ma si moriva di stenti.

Ascolta il conferimento



Guarda anche...

rientro sam t

Esercito: Il Task Group SAMP/T rientra dalla Slovacchia

Le unità controaerei dell’Esercito rientrano in Patria dopo aver guidato il Task Group SAMP/T in …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *