procaccini

Allevamenti intensivi, Procaccini “Servono nuove regole”

“E’ urgente programmare più accurati controlli sugli allevamenti intensivi e stabilire una nuova regolamentazione che possa evitare le gravi conseguenze di una indiscriminata attività: dallo sviluppo di nuovi virus all’eccessivo consumo di acqua e suolo, fino a crudeli pratiche di accanimento verso gli animali. Occorre un intervento immediato, a partire dalla UE”.

Lo afferma l’europarlamentare di Fratelli d’Italia, Nicola Procaccini, componente della commissione agricoltura del Parlamento europeo.

“Come evidenziato anche dalle impressionanti immagini e dalle testimonianze nel corso della puntata di “Presa Diretta” andata in onda ieri sera, gli allevamenti intensivi somigliano ormai a catene di montaggio, in cui risulta compromesso l’equilibrio tra uomo e natura. Una indiscriminata attività per la quale stiamo pagando un prezzo altissimo, come più volte sottolineato dalla stessa FAO e dell’Ispra, l’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale, a causa della riduzione della biodiversità e della contaminazione delle acque e dei terreni. Tutto questo è fonte di sviluppo di pericolosi bacini per nuovi virus influenzali, capaci di adattarsi agli uomini e propagarsi molto velocemente ed in forme estremamente contagiose. E’ una problematica ormai presente in maniera preoccupante anche in Europa, dove gran parte del suolo agricolo disponibile è destinato alla produzione del mangime per gli allevamenti, mentre lo smaltimento dei liquami sta lentamente avvelenando le falde acquifere a causa della presenza di antibiotici e ormoni somministrati agli animali.

Ecco perché è invece necessario, recuperando una diversa dimensione nel settore dell’allevamento, con strutture più sostenibili sotto il profilo ambientale e nel trattamento degli animali stessi”, conclude Procaccini.

Guarda anche...

nicola procaccini

Procaccini. Il Lazio numeri da zona gialla, ma resta in arancione

“Il Lazio, come altre Regioni, avrebbe i dati adeguati per diventare zona gialla a partire …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.