Parlamento europeo

L’UE in prima linea per la ripresa nel 2021

L’UE continua ad affrontare l’impatto della pandemia, lavorando allo stesso tempo su priorità chiave come il cambiamento climatico: ecco cosa aspettarci dal 2021.

Piano di ripresa e bilancio a lungo termine UE
Verso la fine del 2020 il Parlamento europeo ha raggiunto un compromesso con il Consiglio sul bilancio UE 2021-2027 e ha assicurato un accordo sul bilancio 2021 per sostenere la ripresa. Tuttavia alcuni contrasti tra gli stati membri sul meccanismo di tutela dei valori UE hanno rallentato la procedura di approvazione.

Il Parlamento dovrà quindi ultimare le norme sul funzionamento di tutti i programmi che fanno parte del bilancio 2021-2027 e del piano di ripresa, che aiuterà i cittadini e le imprese in tutta l’Unione europea.

Una ripresa green e sostenibile
Il Green deal, che è al centro del piano di ripresa COVID-19, vedrà molte iniziative sulla sostenibilità svilupparsi quest’anno. Agricoltura, economia circolare, biodiversità, foreste, energia, emissioni e il sistema di scambio delle quote di emissione sono alcuni dei fascicoli che dovrebbero essere inseriti nelle agende degli europarlamentari.

Clima
Rendere giuridicamente vincolante l’obiettivo di un’UE climaticamente neutra entro il 2050 rimane una delle massime priorità per il Parlamento, con i negoziati sulla Legge sul clima appena conclusi. Il Parlamento europeo sta richiedendo una riduzione del 60% delle emissioni rispetto ai valori del 1990 entro il 2030.

Servizi digitali
Il 2021 sarà l’anno della regolazione delle piattaforme online. L’UE sta lavorando sulla Legge sui servizi digitali per stabilire delle linee guida utili per il futuro panorama digitale e per assicurare a utenti e compagnie un ambiente migliore e più sicuro. Il Parlamento ha sottolineato le sue priorità sulla legge a ottobre 2020 in attesa della proposta della Commissione.

Intelligenza artificiale
Per l’inizio del 2021 la Commissione europea proporrà la nuova legislazione sull’intelligenza artificiale con lo scopo di delinearne gli aspetti tecnologici, etici, socio-economici e gli obblighi legali da seguire, oltre che per assicurare che l’Europa sia in prima linea nello sviluppo dell’IA. Il Parlamento vuole la garanzia che la legislazione sia antropocentrica e basata sui valori UE, oltre che in grado di aiutare a rilanciare l’economia.

Migrazione
Il Parlamento europeo esaminerà la legislazione in materia cercando di creare una politica comune UE su asilo e migrazione. Le nuove misure proposte dalla Commissione vogliono cambiare e migliorare le attuali procedure sull’asilo assicurando la condivisione delle responsabilità e la solidarietà tra stati membri, proteggendo i confini esterni dell’UE.

La Conferenza sul futuro dell’Europa
La Conferenza sul futuro dell’Europa è una nuova iniziativa dell’Unione europea per capire, con il diretto coinvolgimento dei cittadini, quali cambiamenti potrebbero essere introdotti per preparare al meglio l’UE al futuro. La crisi di COVID-19 ha ritardato le iniziative iniziali: in ogni caso il processo della consultazione permanente di due anni dovrebbe cominciare a inizio 2021.

Agricoltura
Il Parlamento, la Commissione e il Consiglio europeo dovrebbero terminare i negoziati sulla riforma della Politica agricola comune (PAC) 2022-2027, in cui è previsto un allineamento con il Green deal europeo e gli obiettivi ambientali. Anche la nuova politica ‘dai campi alla tavola’, che tenta di trattare il cibo in maniera più completa, verrà esaminata dal Parlamento.

UE per la salute
Il nuovo anno vedrà il lancio del programma UE per la salute, che dovrebbe aiutare i paesi UE a cooperare e coordinarsi meglio in tempo di crisi. Le maggiori priorità sono tutelare le persone da gravi minacce sanitarie di carattere transfrontaliero, aumentare la disponibilità di farmaci e dispositivi medici e rafforzare i sistemi sanitari nei paesi dell’Unione europea. Il programma dovrebbe entrare in vigore nel 2021.

Il meccanismo di protezione civile
Il Parlamento vuole rinnovare il meccanismo di protezione civile UE per migliorare la gestione delle crisi nell’UE e aumentare il livello di preparazione per le emergenze su larga scala come COVID-19 e disastri naturali. Il Parlamento vuole rendere l’UE in grado di acquisire capacità emergenziali in maniera autonoma e vuole promuovere la prevenzione. Il Parlamento europeo negozierà con il Consiglio sul sistema aggiornato, che dovrebbe diventare operazionale nel 2021.

Programma spaziale
Quest’anno dovrebbe vedere l’adozione del programma spaziale UE per il 2021-2027, che include l’ampliamento dell’ambito dell’attuale Agenzia del GNSS europeo (GSA) con la rinominazione di Agenzia per il programma spaziale dell’Unione europea.

Brexit
Il 1° gennaio ha segnato la fine ufficiale del periodo di transizione tra Regno Unito e UE, inaugurando l’inizio di una complessa relazione. Il Parlamento europeo sarà impegnato a tessere nuovi legami con il Regno Unito, tra cui la conclusione degli accordi ad hoc in settori chiave come l’aviazione.

Guarda anche...

legambiente

Legambiente Terracina ha supporto per “La giornata Nazionale del Mare”

Il Circolo Legambiente Terracina “Pisco Montano” con la collaborazione di Legambiente Lazio e del Dipartimento …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.