barbara cerilli

Terracina. Concessione arenile sport a vela: l’assessore Cerilli smentisce l’associazione

Terracina. Concessione arenile sport a vela: l’assessore Cerilli smentisce l’associazione ‘Kite & Windsurf’: “Considerazioni inesatte e interpretazioni errate da parte dell’associazione.

Amministrazione e Uffici hanno rispettato perfettamente i tempi e le norme. I 2500 euro di canone sono dovuti al Demanio dello Stato e non al Comune”.

“Spiace leggere considerazioni inesatte e interpretazioni errate nelle parole della responsabile dell’associazione ‘Kite & Windsurf’ circa la presunta ritardata concessione di un arenile per la loro attività sportiva. Gli Uffici hanno rispettato perfettamente le norme e i tempi”. Così l’assessore al Demanio e al Turismo Barbara Cerilli commenta l’articolo di stampa uscito nei giorni scorsi sulla vicenda.


“Ho chiesto agli Uffici – prosegue l’assessore – di ricostruire tutti i passaggi e le risultanze sono le seguenti: la signora Falconi presenta domanda il 31 marzo 2021 per avere una concessione demaniale marittima temporanea ai sensi e per gli effetti dell’articolo 19, comma 3 del Regolamento regionale del Lazio n.19/2016.

Tale istanza riguardava un fronte mare di 32 metri lineari. Insieme con l’Ufficio abbiamo valutato che 32 metri di fronte mare sarebbero stati troppi rispetto agli 84 totali che noi abbiamo in disponibilità, così come indicato nella determina dirigenziale n.148 del 2021 e come rendicontato alla Regione Lazio.

In considerazione del fatto che questi spazi vanno ripartiti tra tutti coloro che presentano richiesta, in particolare tra quelli che subiscono danni dall’erosione, la stessa associazione riconosce che avrebbe potuto occupare uno spazio inferiore e presenta due note integrative.

La prima il 31 maggio 2021 in cui riduce la richiesta del fronte mare da 32 metri a 20 e indica le installazioni del corridoio di lancio e gazebo. A questa nota ne segue un’altra il 1 giugno 2021 attraverso la quale descrive le modalità di esecuzione del progetto ‘Scuola e Cultura del Mare’.

Come giunta abbiamo deliberato il 15 giugno affinchè si desse in concessione il tratto di arenile richiesto. A seguito della delibera, il 17 giugno l’Ufficio ha provveduto a pubblicare per 20 giorni sull’Albo Pretorio l’avviso pubblico n.43581. Scaduto l’Avviso, il Comune ha inviato una nota il 9 luglio 2021, chiedendo il rispetto degli adempimenti tra i quali il pagamento di 2.500 euro quale canone minimo demaniale dovuto allo Stato e non al Comune, ente al quale avrebbe dovuto corrispondere esclusivamente 250 euro per i diritti di Istruttoria e presentare la stipula di una polizza fideiussoria, così come previsto dal Regolamento Regionale, al fine di tutelare l’Ente in caso di mancata rimozione delle opere e il ripristino dello stato dei luoghi.

Inoltre è stata richiesta copia dell’iscrizione all’ASI e dello Statuto dell’associazione, atti mai recapitati. Dopo la pubblicazione dell’articolo di stampa è giunta la rinuncia dell’associazione alla concessione.

Come si può dedurre – conclude Cerilli – ciò che è stato descritto a mezzo stampa è profondamente diverso dalla realtà dei fatti. Ringrazio gli Uffici del Settore Demanio per la puntualità del lavoro svolto”.

Barbara Cerilli
Assessore al Demanio e al Turismo
Città di Terracina

Guarda anche...

terracina

Terracina. Navetta A1 Mare panoramica

Navetta A1 Mare panoramica. Sindaco Tintari e assessore Annarelli: “Ottimo successo. Pensiamo già a soluzioni …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.