Parlamento europeo

Nicola Procaccini, al Parlamento Europeo di Strasburgo

“IL CONSIGLIO EUROPEO BLOCCA I FONDI ALL’UNGHERIA, NON AIUTA L’ITALIA SUI MIGRANTI MA ELARGISCE SETTE MILIARDI AL REGIME TURCO”

“Il Consiglio europeo avrebbe dovuto occuparsi della lotta al Covid 19, di ripresa economica, di immigrazione come richiesto dal premier italiano.

Ed invece si è occupato di una legge nazionale sulla educazione sessuale nelle scuole, sul contrasto alla pedofilia, non una legge del governo Orban ma una legge del Parlamento ungherese, un Parlamento libero e democratico, che ha fatto la sua scelta, condivisibile o no, su una materia che i trattati non assegnano all’Unione europea ma agli Stati nazionali.

Per questo oggi l’Ungheria viene minacciata di non avere i sette miliardi di euro che ha chiesto e che le spettano all’interno del Recovery Fund.

L’atroce paradosso è che nello stesso Consiglio Europeo non si è deciso di aiutare l’Italia e le nazioni mediterranee alle prese con l’ondata migratoria, ma si è deciso di elargire altri sette miliardi e mezzo di euro ad un vero regime antidemocratico come quello di Erdogan in Turchia, affinché impedisca ai migranti di raggiungere la Germania dove, guarda caso, si vota tra pochi mesi.

Questa è una vergogna!”.

Lo ha dichiarato l’europarlamentare di FDI-ECR, Nicola Procaccini, intervenendo oggi a Strasburgo nel dibattito in corso al Parlamento Europeo .

Guarda anche...

corte dei conti

La spesa dell’UE continua ad essere inficiata da errori

La spesa dell’UE continua ad essere inficiata da errori; la Corte dei conti europea esorta …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.