Munedaiko

L’arte del Taiko giapponese approderà sulle rive del lungomare di Latina

Tutto è pronto per domani, venerdì 16 luglio, quando l’arte del Taiko giapponese approderà sulle rive del lungomare di Latina nella splendida cornice dello stabilimento Appeal Double View, dell’imprenditore pontino Giuseppe Pastore.

L’evento nato dalla collaborazione con Alfredo Romano (direttore artistico de I Salotti Musicali – Summer Festival) prevede l’esibizio del trio di tamburi giapponesi con MUGEN YAHIRO, NAOMITSU YAHIRO e TOKINARI YAHIRO.
Il gruppo promuove da diversi anni l’arte del taiko in Italia e in Europa. Fondato nel 2014, “Munedaiko” ha partecipato a eventi patrocinati dalle Ambasciate giapponesi in Italia, Albania, Romania, Spagna e Islanda.

Si è esibito anche con il patrocinio del Consolato Generale del Giappone a Milano e dell’Istituto Giapponese di Cultura di Roma presso l’Accademia Filarmonica Romana ed in Vaticano presso il Pontificio Istituto di Musica Sacra. A queste si aggiungono numerose esibizioni su tutto il territorio italiano in occasione di eventi culturali o su commissione di grandi aziende giapponesi (Suzuki, Toshiba ecc).

Riconosciuto ufficialmente come collaboratore culturale dall’ambasciata giapponese in Italia, realizzano concerti in tutta Italia ed in Europa per far conoscere il potere espressivo dei loro tamburi. Riportando nelle loro incredibili performance la musica, il teatro e la danza di questa secolare tradizione fanno rivivere, a chi li ascolta, frammenti del Giappone antico.

L’obiettivo del gruppo è, attraverso l’arduo allenamento del corpo, l’arte e la cultura, trovare la stabilità della mente e dello stato d’animo, per approfondire lo spirito in armonia e in risonanza con l’altro.

Sarà possibile cenare in veranda (previa prenotazione al 392 9163366), sorseggiare un drink in spiaggia e assistere allo spettacolo.

Guarda anche...

sicurezza lavoro

Sicurezza sul lavoro: cgil, cisl e uil sottoscrivono i progetti inail

La Tecnologia per sconfiggere la piaga sociale degli infortuni e morti sul lavoro. Sottoscritti da …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.