latina
Orchestra di fiati “G. Rossini”

Latina. Un altro successo per l’Orchestra di fiati “G. Rossini” già pronta per il 2 Giugno

Proseguono gli appuntamenti per celebrare i settant’anni della fondazione dell’associazione. Un altro successo per l’Orchestra di fiati “G. Rossini” già pronta per il 2 Giugno

La festa per ricordare la nascita della Repubblica Italiana in piazza della Libertà a Latina

Si è aperto con un omaggio al compositore Carlo Della Giacoma il concerto dell’inizio dei festeggiamenti per il 70° anno dell’Orchestra di fiati “G. Rossini” di Latina.

Il giardino del Conservatorio Statale di Musica Ottorino Respighi che ha ospitato il concerto “Settanta…e non sentirli!” era gremito di spettatori che rapiti dalla musica tenevano il tempo, con i piedi e con le mani.

L’Orchestra di Fiati diretta dal Maestro Raffaele Gaizo, ha eseguito un particolare repertorio che partendo dagli inizi del ‘900 è arrivato ai nostri giorni, dando spazio a brani originali e trascrizioni per orchestra. Fra i brani proposti anche una marcia moderna scritta da Fabrizio Cecconi, uno dei giovani musicisti dell’Orchestra di fiati “Gioachino Rossini” di Latina, la marcia “Via Mazzini” è stata scritta in memoria del nonno Mauro.

Nel corso della serata sono stati presentati alcuni dei ragazzi che hanno intrapreso la carriera musicale, cominciando proprio a suonare ai concerti della banda, a sostegno del fatto che la banda è da sempre un palcoscenico importante per i giovani che si esibiscono in pubblico imparando a gestire l’ansia, scoprendo i loro limiti ed imparando a superarli confrontandosi con professionisti.

Con l’Orchestra di fiati “G. Rossini” si è esibito anche il coro di clarinetti che, nell’intermezzo a loro dedicato, sono stati diretti dal m. Ugo Boncompagni.

Pioggia di applausi per i solisti Remigio Coco, Arianna Bisceglia e Maria Chiara Sciacca che si sono esibiti, al piano nella Celebre Tarantella di Louis Moreau Gottschalk e ai flauti con una danza celtica.

La serata si è conclusa con l’immancabile bis, il Maestro Raffaele Gaizo ha scelto per congedare il pubblico con un incalzante marcia dal titolo High Society presa ad esempio per come la banda musicale abbia influito, in modo determinante, anche alla nascita del jazz.

Ma, giusto il tempo di riordinare gli strumenti e sono subito alle prove per l’esibizione di Giovedì 2 Giugno. L’orchestra di fiati in versione bandistica accompagnerà le celebrazioni per ricordare la nascita della Repubblica Italiana.

Appuntamento alle ore 9.30 di Giovedì 2 Giugno in piazza della Libertà a Latina per i consueti festeggiamenti. La partecipazione è libera

Guarda anche...

simona lepori

Personale, approvati gli schemi di avviso pubblico per 7 concorsi

Si attende la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, entro la fine dell’anno verranno coperti 23 posti …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.