Foibe

Giorno del Ricordo: 19 anni di celebrazione del dramma delle Foibe


Venerdì 10 Febbraio 2023 ricorre il Giorno del Ricordo, una data significativa che venne istituita nell’anno 2004, con l’intento di riportare alla memoria le vicende del complesso periodo del dopoguerra nell’area istriana, riguardanti le stragi delle foibe, compiute dai partigiani jugoslavi; in questo ambito si colloca l’esodo delle popolazioni italiane passate dai territori legati al potere di Belgrado, anche in seguito al trattato di pace sottoscritto il 10 Febbraio 1947. Tale scelta- secondo un’attenta ricostruzione storica- coinvolse circa 300mila Italiani, che si videro costretti ad abbandonare le loro case.

Una materia ricca sul piano storico ed umano che ancora oggi viene studiata per la complessità degli argomenti messi in cantiere ed inoltre per i particolari aspetti che sono stati dibattuti nel corso degli anni.

Sul tema sono da registrare il saggio a cura della prof. Mila Orlic, docente all’Università di Rijeka, Fiume, in Croazia, “Identità di confine. Storia dell’Istria e degli istriani dal 1943 a oggi ” edito da Viella ed il saggio “Tre volte no. Memorie di un uomo libero” di Boris Pahor e Mila Orlic ( Rizzoli 2009). Si tratta di saggi che approfondiscono la complessa questione con le vicende verificatesi sui territori dell’Istria e delle popolazioni residenti sulla costa adriatica.


Guarda anche...

Giorno del Ricordo, il sindaco Celentano: “Nostro dovere commemorare le vittime delle foibe”

“Come istituzioni, ma anche come cittadini italiani, è un nostro dovere conferire solennità a questo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *